Conto salvataggi banche salito a 10,5 miliardi di euro

Il presidente dell'ABI, Antonio Patuelli, fa il punto della situazione sulle banche. Il conto dei salvataggi è salito a 10,5 miliardi di euro.

Conto salvataggi banche salito a 10,5 miliardi di euroIl conto a carico delle banche per i salvataggi degli altri istituti di credito fra il 2015 e il 2017, è salito a 10,5 miliardi di euro. E’ quanto ha affermato il presidente dell’ABI(Associazione Bancaria Italiana), Antonio Patuelli, nel corso di un seminario a Ravenna.

Le sofferenze bancarie nette a settembre 2017 si sono attestate a 65,8 miliardi di euro; un valore stabile rispetto ai 65,6 miliardi del mese precedente e in forte calo rispetto al dato di dicembre 2016(86,8 miliardi). In particolare, la riduzione è di oltre 23 miliardi rispetto al livello massimo delle sofferenze nette raggiunto a novembre 2015(88,8 miliardi). Patuelli ha dichiarato: “Mi auguro che le autorità di vigilanza sventino queste soluzioni di salvataggio pubblico da cui rifuggo come la peste bubbonica ed evitino alle altre banche nuovi esborsi di cui non ne possiamo più. Speriamo che nel 2017 non siano attesi nuovi interventi di salvataggio”. I 10,5 miliardi di euro sono il risultato dei contributi al Fondo risoluzione, ad Atlante, al Fitd sia volontario che non, al fondo europeo e, per ultimo, alla quota per i rimborsi agli obbligazionisti delle banche venete.

Il presidente dell’ABI ha aggiunto: “È chiaro che quando uno ha preso la febbre, se vede una fessura ha timore e chiude la finestra e si copre; non bisogna pensare che ci sia un’epidemia se qualcuno ha qualche acciacco”. In Italia i depositi in conto corrente sono aumentati, a fine ottobre 2017, di oltre 65,3 miliardi di euro rispetto a un anno prima(variazione pari a +4,8% su base annuale), mentre si conferma la diminuzione della raccolta a medio e lungo termine, cioè tramite obbligazioni, per quasi 50,4 miliardi di euro in valore assoluto negli ultimi 12 mesi(pari a -14,6%). Dalla fine del 2007, prima dell’inizio della crisi, ad oggi la raccolta da clientela è cresciuta da 1.549 a quasi 1.722,3 miliardi di euro, segnando un aumento di oltre 173 miliardi. A fine ottobre 2017 l’ammontare dei prestiti alla clientela erogati dalle banche operanti in Italia, 1.764,7 miliardi di euro è nettamente superiore, di quasi 42,5 miliardi, all'ammontare complessivo della raccolta da clientela, 1.722,3 miliardi di euro.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pernigotti chiude fabbrica di Novi Ligure

Migranti aggrediscono troupe Rai

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano

Lungomare di Napoli in stato pietoso

Donna intubata sommersa dalle formiche

Perché il governo Conte ha detto no al prestito BEI?