Istat: Sempre meno nascite in Italia

In Italia nascono sempre meno bambini e il calo più vistoso riguarda le coppie italiane. Il fenomeno interessa anche i genitori stranieri. In ripresa i matrimoni.

Sempre meno nascite in ItaliaContinua la diminuzione delle nascite in atto dal 2008 in Italia. Nel corso del 2016 sono state registrate 473.438 nascite, 12.342 in meno rispetto al 2015. Nell’arco di 8 anni le nascite sono calate di 103.221 mila unità. Il numero medio di figli per donna scende a 1,34 dall’1,46 nel 2010. Questo è quello che emerge dal rapporto “Natalità e fecondità della popolazione residente” pubblico dall’Istat.

Il calo delle nascite è attribuibile principalmente alle coppie di genitori entrambi italiani.. I nati da questa tipologia di coppia toccano i 373.075 nel 2016, 11.939 in meno rispetto al 2015. Dal 2008 ad oggi le nascite da coppia italiana sono calate di 107.142 unità. Due i fattori determinanti: le donne italiane in età riproduttiva sono sempre meno numerose e non sembrano volere figli. Il calo delle nascite riguarda anche le coppie straniere: –2.717 rispetto al 2015 e –3.093 rispetto al 2008. Crescono solo le nascite da almeno un genitore straniero, ma solo rispetto a otto anni fa(+3.921). In calo, invece, di 403 unità rispetto al 2015. Considerando la cittadinanza delle madri, al primo posto per numero di figli iscritti in anagrafe si confermano le donne rumene(19.147 nati nel 2016), seguite da marocchine(11.657) e albanesi(8.961), che coprono il 42,7% delle nascite da madri straniere residenti in Italia. a. Per le italiane l’indicatore è di 1,26 figli per donna, mentre ammonta a 1,97 per le donne straniere.

A diminuire sono le nascite all’interno del matrimonio(331.681 nel 2016, oltre 132 mila in meno in soli 8 anni). Ciò è dovuto al forte calo dei matrimoni che si è protratto fino al 2014, anno in cui sono state celebrate appena 189.765 nozze(56.848 in meno rispetto al 2008). Dal 2015 i matrimoni hanno ripreso ad aumentare(+4.612 rispetto all’anno precedente) e la tendenza si è accentuata nel 2016(203.258 celebrazioni, +8.881 dal 2015). La lieve ripresa dei matrimoni riguarda anche le prime nozze, 165.316 nel 2016(6.189 in più rispetto al 2014) mentre dal 2008 al 2014 erano diminuite di 53.349(il 94% del calo complessivo delle nozze). In un contesto di nascite decrescenti quelle che avvengono fuori del matrimonio sono in aumento: 141.757 i nati da genitori non coniugati nel 2016, 2.146 in più rispetto al 2015. Il loro peso relativo è più che triplicato rispetto al 1995 e raggiunge il 29,9% nel 2016. La recente crisi economica si è riflessa sensibilmente nella crisi della formazione delle famiglie e nel calo della natalità. La forte contrazione dei primi figli, passati dai 283.922 del 2008 ai 227.412 del 2016(-20% i primi figli e -16% i figli di ordine successivo), interessa tutte le aree del Paese.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia