Italia 23esima per uso fondi UE

L'Italia prende i fondi europei ma non li usa. Il nostro Paese è solo al 23esimo posto in Europa. Emerge dai dati della Commissione UE aggiornati a ottobre 2017.

Italia 23esima per uso fondi UEL’UE fornisce finanziamenti per un’ampia gamma di progetti e programmi nei settori sviluppo urbano e regionale, occupazione e inclusione sociale, agricoltura e sviluppo rurale, politiche marittime e della pesca, ricerca e innovazione e aiuti umanitari. L’Italia è il secondo Paese beneficiario nella UE dei fondi strutturali europei con una quota del 37%, pari 27,1 miliardi di euro.

La Polonia con il 40% è di gran lunga il primo beneficiario europeo, mentre dietro l’Italia si trovano Spagna(24%) e Romania(26%), rispettivamente terzo e quarto maggiori beneficiari. Il problema dell’Italia è che non propone progetti e quindi non utilizza i fondi strutturali europei. L’Italia è solo 23esima su 28 Stati membri per tasso di impegno dei finanziamenti in progetti già selezionati. Emerge dai dati della Commissione UE aggiornati a ottobre 2017. Il nostro Paese ha speso solo 2,45 miliardi di euro su 27,1 disponibili, pari ad una percentuale del 3%. I fondi europei sono gestiti seguendo norme rigorose per assicurare che il loro utilizzo sia sottoposto a uno stretto controllo e che siano spesi in modo trasparente e responsabile. A fine ottobre circa il 44% fondi strutturali europei sono stati impegnati in progetti già selezionati in tutta Europa, per un totale di 278 miliardi di euro. A tre anni dall’inizio dell’attuale periodo di programmazione(2014-2020), che nel bilancio UE vale 454 miliardi(638 miliardi aggiungendo il contributo degli Stati), sono state supportate 793.490 imprese, 7,8 milioni di persone sono state aiutate a trovare un impiego o a intraprendere percorsi di formazione.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

CheBanca! con problemi tecnici

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Voragine in via Masoni

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018