Nuova voragine sul ponte Bellaria

Nuovo cedimento sulla carreggiata del ponte Bellaria in via Miano. Un autobus ANM è finito nella voragine senza conseguenze per i passeggeri. Il dissesto idrogeolico della zona è noto tutti, tranne alla giunta arancione del Comune di Napoli.

Voragine sul ponte BellariaDopo la tempesta torna sempre il sereno. Peccato che a Napoli dopo un temporale emergono sempre le solite criticità idrogeologiche. Allagamenti, alberi caduti, decine di tombini saltati hanno creato non pochi disagi ai cittadini. Sul ponte Bellaria è comparsa una nuova voragine che ha costretto i vigili urbani a chiudere una parte della carreggiata(foto). Non è una novità.

Il ponte di Bellaria, conosciuto anche come ponte di Miano, è un’opera realizzata a Napoli verso la metà del XIX secolo, sul Cavone di Miano, la vallata che separa la collina di Capodimonte dall’altopiano adiacente del quartiere di Miano. Il ponte di Bellaria si trova a pochi passi dal Real Bosco di Capodimonte ed è una via molto trafficata. Sulla strada ci sono cedimenti da oltre un anno. Tutto è iniziato lo scorso maggio, quando è crollato una parte di marciapiede e il parapetto. Poche settimane prima erano stati fatti dei lavori di rifacimento del manto stradale nella stessa zona. Dopo un paio di settimane è comparsa una voragine a pochi metri dal primo cedimento. L’arrivo dell’estate ha attenuato il problema, ma ci sono stati altri crolli al primo temporale dello scorso settembre. Il Comune di Napoli è intervenuto tamponando Luigi De Magistrisil problema, ovvero riempendo le voragini con schifezze varie. Ieri(28 dicembre) sul ponte Bellaria la strada s’è aperta nuovamente intorno alle 16:30 sotto il peso di un autobus dell’ANM che ha riportato danni. Per fortuna i passeggeri non hanno subito conseguenze.

Una domanda sorge spontanea: perché ci sono cedimento del manto stradale ogni volta che piove? Tutti sanno la risposta, tranne la giunta arancione di De Magistris. Un torrente di acqua putrida scorre sotto il ponte Bellaria, provocando continue voragini e lesioni ai pilastri. Da 10 anni i cantieri per arginare il torrente vengono aperti e dopo poco tempo abbandonati. Una paio di mesi fa, Alfredo Di Domenico(noto come Bukaman) è stato chiamato dai residenti di vico della Croce per denunciare il dissesto idrogeologico. Della problematica si è occupata anche TG Luna, il telegiornale di TV Luna. Alcuni residenti sostengono che il ponte Bellaria sarebbe devastato da importanti infiltrazioni di acqua, che danneggiano la struttura dalle fondamenta, mettendo a rischio la sicurezza degli abitanti e degli automobilisti che transitano ogni giorno sulla strada. Il dissesto idrogeologico della zona è grave, ma il sindaco Luigi De Magistris è troppo impegnato in cose futili, tipo la presentazione al cinema del film di Ferzan Ozpetek(foto). Il 27 dicembre 2017 la III Municipalità ha approvato in Consiglio una delibera che prevede lo stanziamento di 20 mila euro per rimettere in sicurezza la strada. Una cifra modesta che non risolverà il problema.

Pubblicato da Alfredo Di Domenico su Giovedì 28 dicembre 2017

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato ex penicillina

Istat: PIL pro capite Sud metà di Nord

Cimiteri comunali di Napoli senza illuminazione

Centro di accoglienza migranti a Secondigliano

BCE conferma fine Quantitative easing

Contributi erogati alla stampa per l’anno 2017