Ryanair riconosce i sindacati

Ryanair ha annunciato di aver scritto ai sindacati dei piloti invitandoli a colloqui per riconoscerli come organi rappresentativi.

Ryanair riconosce i sindacati“Prima che Ryanair venga sindacalizzata si ghiaccerà l’inferno”. Questo è quello che disse l’amministratore delegato Michael O’Leary all’assemblea annuale degli azionisti della compagnia aerea low cost irlandese. Una vera e propria minaccia contro i piloti che lottavano per avere più diritti. Tre mesi dopo le cose sono cambiate e O’Leary ha cambiato idea nonostante l’inferno non si sia ghiacciato.

Ryanair ha annunciato di aver scritto ai sindacati dei piloti in Irlanda, Regno Unito, Germania, Italia, Spagna e Portogallo invitandoli a colloqui per legittimarli come organizzazioni rappresentative. Come si è arrivati a questo risultato? I piloti hanno proclamato uno sciopero per oggi(15 dicembre) di quattro ore, dalle 13 alle 17. Un altro sciopero è previsto per mercoledì 20 dicembre 2017, un giorno cruciale per le partenze natalizie. La compagnia aerea low cost aveva minacciato i piloti di cancellare gli aumenti in busta paga in caso di adesione allo sciopero. Il governo e il garante hanno duramente criticato Ryanair per le minacce ai piloti. La svolta arrivata in mattinata induce l’Anpac a revocare lo sciopero di oggi. “Ryanair cambierà la sua politica di lungo corso di non riconoscere i sindacati, allo scopo di evitare qualsiasi minaccia di interruzione ai suoi clienti e ai suoi voli durante la settimana di Natale”. Questo è quello che c’è scritto nella nota diffusa dalla compagnia aerea low cost. La lotta paga, solo chi subisce sempre non migliorerà mai la sua posizione.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano

Donna intubata sommersa dalle formiche

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Alberi pericolanti nelle pinete del rione Monterosa

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo