Stati Uniti abolisce net neutrality

La FCC degli Stati Uniti ha decretato l'abolizione della net neutrality, un principio base di internet per il quale tutti i contenuti web devono essere trattati ugualmente dai provider.

Net neutralityDagli Stati Uniti arrivano brutte notizie per la neutralità del web. La Commissione Federale delle Comunicazioni(FCC) ha abolito con stretta maggioranza(3 sì e 2 no), la net neutrality, uno dei lasciti di Obama. E’ il principio per il quale ogni sito ha pari dignità e nessun provider può decidere se rendere più lento o più rapido l’accesso a una pagina, né creare “corsie preferenziali” sulle autostrade della rete, né proporre pacchetti più rapidi a pagamento.

Il presidente FCC, Ajit Pai, ha dichiarato: “Si è messa fine a regole pesanti che scoraggiano investimenti e innovazione”. Peccato che l’abolizione della net neutrality porterà gravi conseguenze ai consumatori americani. I provider potranno chiedere ai clienti un abbonamento a parte per poter usufruire dei servizi video(Youtube, Netflix etc.) o dello streaming musicale(Spotify, Deezer etc.). Il web a due velocità potrebbe essere il primo passo di una pericolosa limitazione di accesso a notizie, idee, messaggi politici, che potrebbero essere ristretti solo agli utenti che pagano di più. La posta in gioco, dunque, è molto alta. L’abolizione della net neutrality metterà in crisi start-up, aziende minori e siti e blog con poco traffico. I “piccoli” saranno inevitabilmente schiacciati e probabilmente dovrebbero chiudere i battenti. Gli unici a guadagnarci sono i giganti delle TLC, da Verizon ad AT&T a Time Warner Cable, che hanno fatto pressioni per poter fornire un servizio più veloce alle aziende che pagano. Non a caso Netflix pensa a una lunga battaglia per ristabilire la net neutrality. Sono contrari all’abolizione anche Google, Apple, Facebook. Per il momento le nuove regole valgono solo per gli Stati Uniti, ma è evidente che il dibattito si allargherà al resto del mondo. Già in Europa c’è qualche accenno di voler forzare la situazione.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Birra Napoli si produce a Roma

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

Alberi pericolanti nelle pinete del rione Monterosa