Napoli: Protesta lavoratori Samir manda in tilt il trasporto pubblico

A Napoli trasporto pubblico bloccato dalla protesta dei lavoratori della Samir. Pendolari inferociti a causa del disservizio. La protesta è un'azione criminale per il sindaco De Magistris.

Servizio metro Linea 1 e autobus temporaneamente sospeso. E’ il messaggio apparso sulla pagina Facebook dell’Azienda Napoletana Mobilità(ANM). Una comunicazione choc che ha mandato in tilt i tanti pendolari di Napoli che si spostano con il trasporto pubblico. Questa volta la carenza di treni e di autobus c’entra poco con il blocco.

Il disservizio è stato causato dalla protesta dei 337 dipendenti della Samir, la ditta che si occupa delle pulizie. I manifestanti hanno occupato stazioni metropolitane e depositi degli autobus per protestare contro il mancato pagamento delle spettanze da parte dell’Anm. La ditta Samir vanta cinque milioni di euro di arretrati dall’azienda dei trasporti. Il blocco è iniziato alle 6 di questa mattina. Migliaia di persone sono rimaste in attesa in strada alle fermate e davanti alle porte delle stazioni della Linea 1. Un pendolare ha dichiarato: “La metropolitana più bella d’Europa non funziona mai”. La protesta è terminata grazie all’intervento risolutivo delle forze dell’ordine. Dopo circa sette ore di stop la metropolitana ha ripreso la circolazione attorno alle 13:40. Per affrontare le questioni legate all’azienda di trasporto pubblico locale, è stato convocato in Prefettura a Napoli un vertice con Anm. Il sindaco Luigi De Magistris ha dichiarato: “Mi sono svegliato stamattina alle sei con queste notizie. Si tratta di un’azione criminale molto grave, senza alcuna giustificazione, che non ha nulla a che vedere con rivendicazioni di diritti sindacali o altro”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato Baobab di Roma

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Birra Napoli si produce a Roma

La beneficenza per l’Africa subsahariana finisce in Francia

Salvini prosegue linea Renzi sui termovalorizzatori

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo