Germania: Accordo per settimana lavorativa di 28 ore

Settimana con 28 ore di lavoro e un aumento in busta paga del 4,3%. Accordo storico in Germania tra il sindacato dei metalmeccanici IgMetall e gli industriali.

Accordo per settimana lavorativa di 28 oreIn Germania arriva la settimana lavorativa di 28 ore, grazie all’intesa pilota raggiunta nella regione del Baden-Wuerttemberg per i lavoratori del settore metallurgico ed elettrotecnico. E’ un accordo destinato a fare storia nel mondo del lavoro. In Germania era in vigore la settimana lavorativa di 35 ore. Il sindacato di categoria, Ig Metall, e gli imprenditori si sono accordati anche per aumenti salariali del 4,3%.

I dipendenti più anziani potranno ridurre l’orario di lavoro da 35 a 28 ore per un periodo di tempo che va da 6 mesi a un massimo di 2 anni. In cambio i datori di lavoro potranno estendere la settimana lavorativa da 35 a 40 ore per i dipendenti che ne facciano richiesta. In questo modo si ottiene l’opportunità di introdurre fasce lavorative molto flessibili e differenti fra loro all’interno di ogni singola azienda e di adeguare anche gli orari lavorativi all’andamento degli ordini. Il il vice segretario generale dell’Etuc, Peter Scherrer, ha dichiarato: “Questo accordo è molto positivo perché dà un aumento salariale sostanziale e dà ulteriore flessibilità ai genitori che lavorano. Anche perché con più soldi da spendere i lavoratori compreranno più beni e servizi e spingeranno gli affari”. La Germania è in fase di crescita ed ha il più basso livello di disoccupazione dal 1990. L’aumento delle retribuzioni può contribuire a stimolare ulteriormente la spesa per i consumi.

Il commento dei sindacati italiani

“L’accordo raggiunto in Germania rappresenta un risultato storico. Il fatto che ci sia un aumento degli stipendi del 4,3% mi pare un risultato significativo, che possiamo subito diffondere anche in Italia”. Lo ha detto la segretaria Cgil, Susanna Camusso. La possibilità della settimana lavorativa a 28 ore è una novità importante che permette la flessibilità dell’orario e viene vissuta in ragione delle esigenze dei lavoratori. La segretaria Cisl, Annamaria Furlan, ha detto: “Un’intesa che mette al centro la persona ed i suoi bisogni, oltre che la produzione. Speriamo che faccia da apripista nella contrattazione di tutti i Paesi europei”. La riduzione della settimana lavorativa serve per una più equa ridistribuzione di una mola lavorativa ridotta su un numero maggiore di soggetti produttivi. Lavorare meno, lavorare tutti.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

CheBanca! con problemi tecnici

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Voragine in via Masoni

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018