Mef: Il 45% dei contribuenti versa il 4,2% dell’IRPEF totale

Il 45% dei contribuenti, che dichiara solo il 4,2% dell’IRPEF totale, si colloca nella classe fino a 15.000 euro. I dati delle dichiarazioni 2016 diffuse dal Mef. Il bonus 80 euro è stato restituito da 1.721.632 soggetti.

Dichiarazione dei redditiCirca 40,9 milioni di contribuenti hanno assolto l’obbligo dichiarativo, direttamente attraverso la presentazione dei modelli di dichiarazione Redditi Persone Fisiche e 730, ovvero indirettamente attraverso la dichiarazione dei sostituti d’imposta(Certificazione Unica - CU). Il numero totale dei contribuenti è risultato in aumento di circa 100.000 soggetti(+0,25%) rispetto all’anno precedente. E’ quanto rileva il Ministero dell’Economia e delle Finanze(Mef) in base ai dati delle dichiarazioni dei redditi persone fisiche(IRPEF) presentate nel 2017 e riferite all’anno di imposta 2016.

Il reddito complessivo totale dichiarato ammonta a circa 843 miliardi di euro per un valore medio di 20.940 euro. Il confronto omogeneo con l’anno precedente mostra un aumento del reddito complessivo medio dichiarato del +1,2%, pari a 10 miliardi di euro. L’analisi territoriale conferma che la regione con reddito medio complessivo più elevato è la Lombardia(24.750 euro), seguita dalla Provincia Autonoma di Bolzano(23.450 euro), mentre la Calabria presenta il reddito medio più basso(14.950 euro); anche nel 2016 il reddito medio nelle regioni del Sud, pur aumentato rispetto all’anno precedente è cresciuto meno rispetto alla media nazionale. I redditi da lavoro dipendente e da pensione rappresentano circa l’82% del reddito complessivo dichiarato. I lavoratori autonomi hanno il reddito medio più elevato, pari a 41.740 euro, mentre il reddito medio dichiarato dagli imprenditori è pari a 21.080 euro. Il reddito medio dichiarato dai lavoratori dipendenti è pari a 20.680 euro, quello dei pensionati a 17.170 euro. Il 45% dei contribuenti italiani dichiara fino a 15 mila euro e versa il 4,2% dell’IRPEF totale. Nella fascia tra 15-50 mila euro c’è il 50% dei contribuenti, che dichiara il 57% dell’IRPEF. I “Paperoni” con oltre 300 mila euro di reddito sono 35 mila, lo 0,1%. Il reddito medio è di 20.940 euro, in aumento dell’1,2%.

Il bonus IRPEF restituito

A partire dall’anno d’imposta 2015 è stato reso permanente il credito bonus IRPEF per i titolari di reddito di lavoro dipendente e di alcuni redditi assimilati, a condizione che l’imposta sia superiore alle detrazioni per lavoro dipendente ed il reddito complessivo non sia superiore a 26.000 euro. Come già accaduto negli anni precedenti, alcuni contribuenti hanno dovuto restituire in tutto o parzialmente il bonus 80 euro. Si tratta di 1.721.632 persone per un importo complessivo di 479.563.000 euro, con una media di 280 euro. Allo stesso tempo 679.466 contribuenti a cui non era stato versato dal sostituto di imposta hanno potuto usufruirne in sede dichiarazione dei redditi, per un ammontare complessivo di 679.466.000 euro e un importo medio di 400 euro. L’imposta netta totale dichiarata è pari a 156 miliardi di euro, sostanzialmente stabile rispetto all’anno precedente. Al netto degli effetti del bonus 80 euro, l’imposta netta IRPEF risulta pari in media a 5.070 euro e viene dichiarata da circa 30,8 milioni di soggetti, pari al 75% del totale dei contribuenti.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Taglio pensioni d’oro lo chiede l’UE

Come risolvere il problema della spesa pensionistica?

Il caso New York University di Conte

UE: Conti dell’Italia inadeguati nel 2018

Pagamento scrutatori non erogato a Napoli

Eurostat: Cresce divario PIL pro capite Italia e UE