Sud ha votato M5S per avere reddito di cittadinanza?

Il M5S ha vinto le elezioni politiche 2018. I grillini hanno avuto consenso soprattutto nel Sud. Alcuni sostengono che i meridionali non vogliono fare nulla e hanno votato il M5S per avere il reddito di cittadinanza. E' una lettura triste e razzista.

La mappa delle elezioni politiche 2018Le elezioni politiche 2018 hanno visto il successo storico del Movimento 5 Stelle. Il partito fondato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio ha preso 10.697.994 preferenze alla Camera e 9.713.763 al Senato. Il M5S si è imposto principalmente nelle regioni del Sud e nelle isole. Alcuni commentatori hanno sostenuto che il successo del Movimento 5 Stelle nel Mezzogiorno si spieghi con il sostegno belluino e incondizionato di milioni di nullafacenti, disoccupati, sottoccupati ed evasori incalliti, che avrebbero così votato soltanto per garantirsi il lauto bonifico del reddito di cittadinanza.

Devo dire che è una lettura molto triste e in parte anche razzista. Passa ancora una volta l’idea che i meridionali non vogliono fare nulla e che pretendono l’assistenzialismo. In poche parole è la solita narrazione becera e distorta del Sud, costruita in fretta e furia per nascondere tonnellate di polvere sotto il tappeto dell’ipocrisia. La verità è un’altra: la gente ha votato in massa il M5S perché si è stancata della fuffa(o solfa) renziana e non crede più alle favole narrate da Silvio Berlusconi. Una domanda sorge spontanea: chi ha votato il Movimento 5 Stelle? Ipsos Public Affairs, elaborando dati propri e del Ministero dell’Interno, ha spacchettato il voto di domenica fornendoci alcune interessanti risposte. La cosa che più colpisce della vittoria del M5S è la trasversalità. In questa tornata il movimento di Grillo è diventato un partito non solo compiutamente nazionale ma anche interclassista e generazionale come solo il PDL nel 2008 e la DC negli anni d’oro, riuscirono ad essere.

Il Movimento 5 Stelle ha raccolto la stessa percentuale di voti(32%) sia tra i maschi che tra le donne. La fascia 18-34 anni è quella dove il M5S prende più voti, ma ottiene primato e percentuali importanti nelle fasce 35-49(35,4%) e 50-64(34%). Gli over 65 sono l’unica fascia in cui il Partito Democratico di Matteo Renzi è davanti al M5S(27,3% contro 27,1%). Il 29,3% dei laureati ha messo una croce sul movimento fondato da Grillo e Casaleggio; il PD è distaccato di 7,5 punti percentuali. Il divario cresce tra i diplomati: 36,1% ha votato per il M5S contro il 16,1% del Partito Democratico. Un consenso che si mantiene altrettanto alto tra gli elettori che hanno conseguito la licenza media e quella elementare. Il Movimento 5 Stelle sbaraglia il campo confermandosi primo partito in ogni fascia professionale, tranne tra i pensionati. Al primo posto ci sono i disoccupati con il 37,2%. Seguono operai(37%), impiegati-insegnanti(36,1%), studenti(32,3%), lavoratori autonomi-commercianti-artigiani(31,8%) e dirigenti e imprenditori(31,2%). Le prime due categorie fanno capire sono state fallimentari le politiche fatte dal PD di Renzi.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Alitalia salvata con soldi pubblici

Lo strano caso di Erika Marcato

La guerra alle armi di Save the Children

De Magistris vuole referendum per autonomia di Napoli

Bankitalia: Debito pubblico a 2.316,7 miliardi

Migrante muore nella baraccopoli di San Ferdinando