Torna l’ora legale. Risparmio superiore ai 100 milioni

Nella notte tra sabato e domenica 25 marzo 2018 gli italiani dovranno spostare di un’ora in avanti le lancette di tutti gli orologi. Risparmio energetico superiore ai 100 milioni di euro.

Ora legaleNella notte tra il 24 e il 25 marzo 2018 finirà l’ora solare ed entrerà in vigore l’ora legale. Alle 2 del 25 marzo le lancette dell’orologio andranno sposate avanti di un’ora, cioè alle 3. Gli italiani perderanno l’ora di sonno guadagnata  il 29 ottobre 2017, ma avremo un’ora in più di luce.

Il cambio toglierà sonno causando rischi alla salute con conseguenze comportamentali. Lo dicono i ricercatori del “Journal of Applied Psychology”. Tra le preoccupazioni più comuni: la possibilità di incremento degli incidenti stradali, l’aumento di infortuni sul lavoro, il cyber-ozio, ovvero una overdose di navigazione su internet nelle ore di lavoro, oltre a cefalee. L’ora legale venne introdotta per la prima volta nel 1916 in Gran Bretagna e molti Paesi seguirono l’esempio negli anni successivi. Tra i Paesi industrializzati, solo il Giappone segue, nell’alternarsi delle stagioni, sempre l’ora solare. Lo scorso febbraio il Parlamento europeo ha respinto una riforma proposta dalla deputata francese dei Verdi Karima Dalli, e sostenuta da diversi eurodeputati, che intendeva abolire l’ora legale. Un’ora di luce in più comporterà notevoli risparmi energetici. La rete di trasmissione dell’energia Terna fa sapere che nel periodo dell’ora legale si prevede un risparmio complessivo dei consumi di energia elettrica di 562 milioni di kilowattora. Si tratta di una quantità di energia corrispondente al fabbisogno annuo medio di circa 200 mila famiglie. In termini di costi, la stima del risparmio economico relativo all’ora legale per il 2018 è pari a circa 116 milioni di euro. Dal 2004 al 2017 l’Italia ha risparmiato complessivamente circa 8 miliardi e 540 milioni di kilowattora, corrispondenti a quasi 1,4 miliardi di euro di minor costo. L’ora solare verrà ripristinata nella notte tra il 27 e il 28 ottobre 2018.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pagamento scrutatori non erogato a Napoli

Tari 2018: Comune di Napoli posticipa scadenza prima rata

La storia sepolta dalle erbacce

Taglio pensioni d’oro lo chiede l’UE

Severgnini: Avete visto cosa è successo ai Paesi usciti dall’euro?

Eurostat: Cresce divario PIL pro capite Italia e UE