Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2018

Dove è il presidente Aurelio De Laurentiis?

Immagine
Il sogno scudetto del Napoli si è fermato a Firenze. Al Franchi gli azzurri hanno fatto la peggior partita dell’era Sarri. Fiorentina-Napoli è sembrata la classica partita di fine stagione, eppure i partenopei potevano tenere vivo il sogno tricolore con una vittoria. Il Napoli è sceso in campo demotivato e senza stimoli dopo quello che è successo in Inter-Juventus il giorno prima. Koulibaly si è fatto espellere dopo pochi minuti per un fallo da ultimo uomo su Simeone. Il rosso ci stava tutto.

Cgia: Spending review colpisce Autonomie locali

Immagine
La spending review del governo centrale colpisce Regioni, Comuni e Province. E’ quello che emerge da un rapporto della Cgia di Mestre. Le Autonomie locali hanno subito un taglio di 22 miliardi di euro tra il 2010 e il 2017. I mancati trasferimenti hanno costretto gli amministratori a usare la leva fiscale, portando il conto a cittadini e imprese. La spending review ha portato anche un taglio alla quantità e qualità dei servizi offerti dalle Autonomie locali.

Istat: Italia più povera

Immagine
Nel 2016 in Italia il 12,1% delle persone vive in condizioni di grave deprivazione. Rispetto al 2015 la crescita è dello 0,6%. Il nostro Paese supera di 4,6 punti percentuali la media UE, attestandosi al nono posto tra i paesi con i valori più elevati. E’ quanto emerge dal rapporto “Noi Italia 2018” pubblicato oggi(27 aprile) dall’Istat.

I canali Mediaset Premium su Sky

Immagine
Gli abbonati a Sky hanno avuto una piacevole sorpresa il 27 aprile 2018. Un messaggio informa i clienti l’aggiunta di 5 canali Mediaset Premium nel pacchetto Cinema senza costi aggiuntivi. La settimana scorsa i canali Sky Sport e Sky Uno sono sbarcati sul digitale terrestre e disponibili senza costi aggiuntivi per tutti gli abbonati a Mediaset Premium. E’ il risultato del duplice accordo commerciale siglato da Sky e Mediaset lo scorso 30 marzo.

Spesa migranti salirà a 5 miliardi nel 2018

Immagine
Nel 2017 i migranti sbarcati in Italia sono stati 119 mila, ben 62.126 in meno rispetto al record di 181.126 del 2016. Sono i dati dell’agenzia europea Frontex. La diminuzione degli sbarchi non si riflette su una minore spesa pubblica. Nel 2017, infatti, l’Italia ha buttato 4,3 miliardi di euro per la finta accoglienza. Si tratta di 700 milioni in più rispetto al 2016, anno in cui la spesa è stata di 3,6 miliardi di euro.

Ocse: Italia terza per cuneo fiscale

Immagine
L’Italia è al terzo posto nella classifica Ocse relativa al peso delle tasse sui salari, ovvero la differenza tra il costo del lavoro sostenuto dal datore di lavoro e il corrispondente reddito netto che arriva effettivamente nelle tasche del lavoratore. Il cosiddetto cuneo fiscale per un single senza figli è complessivamente al 47,7%, in calo di 0,1 punti percentuali rispetto al 2016. Nel 2017 le tasse sugli stipendi in Italia sono 11,8 punti sopra la media Ocse del 35,9%. Davanti a noi ci sono Belgio(53,7%) e Germania(49,7%). Lo rileva l’Ocse nel rapporto “Taxing Wages” per il 2018.

Migrante arrestato a Napoli per terrorismo

Immagine
I migranti servono per occupare i posti di lavoro rifiutati dagli italiani e per pagare le pensioni. Questo è il ritornello che sentiamo spesso in televisione. L’unica cosa certa è che i migranti hanno fatto aumentare il numero di indigenti nel nostro Paese. Ovunque ti giri trovi una persona di colore che chiede l’elemosina ai passanti. L’accoglienza indiscriminata mette a rischio anche la sicurezza dell’Italia.

L’emergenza rifiuti a Napoli nord

Immagine
Torna l’emergenza rifiuti a Napoli. Anzi no. I cumuli di spazzatura sono presenti solo nella zona nord della città, dove la raccolta non viene fatta da quasi due settimane. Come mai? La linea 1 del termovalorizzatore di Acerra è ferma per manutenzione e questo causa una calo di smaltimento di 700 tonnellate al giorno. A questo si è aggiunto il fatto che gli appalti banditi da Sapna(la società ambientale provinciale) per spedire fuori regione i rifiuti sono andati deserti. La spazzatura continua ad accumularsi nei tritovagliatori(Stir) a causa di questi due problemie il Comune di Napoli ha deciso di “privilegiare” la raccolta della spazzatura nei quartieri della Napoli bene.

Terremoto di magnitudo 4.2 a Acquaviva Collecroce

Immagine
Alle 11.48 c’è stata una scossa di terremoto di magnitudo 4.2 in provincia di Campobasso, nel Molise. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Acquaviva Collecroce, Palata, Castelmauro, Tavenna e San Felice del Molise. L’ipocentro è stato localizzato a 31 km di profondità. La scossa è stata avvertita anche in Abruzzo, Campania, Puglia e su gran parte del Centro-Sud. Forze di polizia, Vigili del fuoco e Protezione civile stanno facendo verifiche: al momento non vengono segnalati danni. Testimoni a San Giacomo degli Schiavoni sono in lacrime e sono tutti scappati di casa.

Scampia: La protesta degli inquilini delle case gialle

Immagine
Emergenza abitativa a Scampia dopo il piano vendita dell’edilizia pubblica residenziale(Erp) fatto dal Comune di Napoli per ripianare il debito. La dismissione ha portato nelle casse di Palazzo San Giacomo 3,5 milioni di euro derivanti dalla vendita di 81 immobili. Nel quartiere della zona nord è venuto alla ribalta il “caso” della case gialle, gli enormi palazzoni utilizzati anche per il set della serie TV “Gomorra”. Gli inquilini sono scesi in strada per manifestare contro l’intimidazione di sfratto della proprietà. Ma andiamo con ordine.

La rimodulazione di Vodafone ai clienti privati ricaricabile

Immagine
Modifica delle condizioni dei servizi per i clienti privati ricaricabile”. Inizia così la comunicazione inviata da Vodafone ad alcuni clienti di rete mobile. La compagnia telefonica è stata l’unica a ritornare alla fatturazione mensile imposta dalla Legge 172/2017 senza includere l’aumento dell’8,6% all’anno. I clienti pensavano di essere scampati al rincaro, ma la rimodulazione posticipata ha portato tutto alla normalità.

Napoli vince scontro diretto e rivede scudetto

Immagine
Il Napoli vince lo scontro diretto in casa della Juventus e rivede lo scudetto. Il gol decisivo è di Koulibaly al 90esimo sugli sviluppi di un calcio d’angolo. E’ la prima vittoria della squadra partenopea allo Juventus Stadium: nelle precedenti 6 sfide zero punti e solo 2 reti segnate. La squadra di Sarri si porta a -1 dai bianconeri a quattro giornate dalla conclusione del campionato. La prossima giornata sarà decisiva: il Napoli giocherà a Firenze, mentre la Juventus affronterà l’Inter a Milano. I bianconeri hanno l’impegno più duro sulla carta, visto che i nerazzurri sono in piena lotta per un posto Champions.

Stadio Collana, un impianto abbandonato

Immagine
Lo stadio Collana è un impianto sportivo polivalente di Napoli situato sulla collina del Vomero. Dal 1933 al 1959 ha ospitato le gare interne della squadra di calcio della città. In seguito è stato lo stadio del Campania e dell’Internapoli. L’impianto è stato utilizzato anche per le gare di football americano e rugby XV. Lo stadio Collana è chiuso dal 25 gennaio 2016 per una serie di lungaggini burocratiche e di “presunti” lavori di messa in sicurezza. L’impianto del Vomero doveva essere una delle sedi delle Universiadi 2019, ma lo stato di degrado attuale fa pensare che difficilmente lo stadio di Collana possa essere pronto per quell’evento sportivo.

L’estate nera

Immagine
L’estate nera” è un libro di Remo Guerrini e pubblicato da Newton Compton. Remo Guerrini è nato a Genova nel 1948. Lo scrittore è un giornalista autore di numerosi romanzi, racconti gialli, thriller e libri di fantascienza, alcuni dei quali sono stati tradotti in Francia e Germania. Nei primi anni ‘80 è stato, con Andrea Santini, il primo italiano a pubblicare spy-story nella collana Segretissimo. “L’estate nera” è il libro d’esordio di Remo Guerrini ed è stato pubblicato nel 1992. Nel 2013 è uscita l’edizione economica  di Newton Compton. Dal libro è stato realizzato il film “Eppideis”, prossimamente nelle sale italiane con il titolo definitivo “Seven little killers”.

Eurostat: Italia penultima in UE per occupazione e laureati

Immagine
L’Italia è al penultimo posto in UE per livello di occupazione. E’ quanto emerge dai dati Eurostat. Nel 2017 il nostro Paese aveva un occupazione del 62,3%, peggio di noi ha fatto solo la Grecia con il 57,8%. La media europea del tasso di occupazione nella fascia d’età 20-64 nel 2017 ha raggiunto il 72,2%, in crescita rispetto al 71,1% del 2016. L’Italia è lontana dal raggiungimento dell’obiettivo UE 2020 di un tasso d’occupazione complessivo del 67%.

Gli spagnoli più ricchi degli italiani

Immagine
Nel 2017 gli spagnoli sono più ricchi degli italiani. Questo è quello che emerge dal Financial Time in un’analisi basata sui dati del Fondo Monetario Internazionale(FMI). Il PIL procapite della Spagna ha superato quello dell’Italia. Il giornale economico-finanziario del Regno Unito ha confrontano i Paesi sulla base della parità del potere d’acquisto.

Inps: Contratti a tempo indeterminato in crescita

Immagine
Lavoro a tempo indeterminato con segno più nel primo bimestre 2018 rispetto allo stesso periodo del 2017. Lo comunica l’Inps nel suo Osservatorio sul precariato. Le assunzioni a tempo indeterminato sono state 228.092, 17.619 in più(+8,3%) rispetto allo stesso periodo del 2017. Sono state 82.861 le trasformazioni a tempo indeterminato di rapporti a termine o apprendistato. La crescita è del 79,5% rispetto allo stesso bimestre dell’anno scorso.

In Italia si muore di meno dove prevenzione funziona

Immagine
In Italia si muore meno per tumori e malattie croniche, ma solo dove la prevenzione funziona. Al Sud, dove una persona su 5 dice di non aver soldi per pagarsi le cure, il tasso di mortalità per queste cause è maggiore tra il 5% e il 28%. La Campania è la regione con i dati peggiori. E’ quello che emerge dal “Rapporto Osservasalute 2017”. Tra 10 anni la popolazione anziana non autosufficiente sarà di 6,3 milioni, di cui 1,6 milioni incapace di svolgere attività quotidiane della cura di se stessi. Un dato che porrà seri problemi per l’assistenza.

IVASS: Nuove regole per attestato di rischio

Immagine
IVASS introduce due nuove regole per l’attestato di rischio dell’assicurazione RC auto. La prima corregge un “bug” sulla sinistrosità dell’assicurato. Per adeguare la normativa secondaria e la disciplina tecnica della banca dati degli attestati di rischio, ora verranno presi in considerazione anche i sinistri pagati fuori dal periodo di osservazione oppure pagati dopo la scadenza del contratto, laddove l’assicurato abbia cambiato compagnia.

Mattarella affida a Casellati mandato esplorativo

Immagine
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella affida a Maria Elisabetta Casellati il mandato esplorativo per formare un governo. La presidente del Senato avrà l’incarico di verificare l’esistenza di una maggioranza fra centrodestra e Movimento 5 Stelle. In pratica, la Casellati è chiamata ad un’impresa impossibile, visto che i grillini non vogliono Silvio Berlusconi e il pregiudicato detesta il M5S.

La Clerici rinuncia alla Prova del Cuoco

Immagine
Il programma televisivo “La Prova del Cuoco” potrebbe avere una nuova conduttrice nella prossima stagione televisiva. Antonella Clerici, storico volto della trasmissione di gastronomia di Rai 1, sarebbe determinata a lasciare la conduzione per dedicarsi di più alla famiglia e ai programmi in prima serata.

La fata carabina

Immagine
La fata carabina” è un libro di Daniel Pennac e pubblicato da Feltrinelli. Daniel Pennac è nato a Casablanca nel 1944. Figlio di un militare francese, nell’infanzia ha seguito gli spostamenti del padre, dall’Africa al Sud Est asiatico. Tornato a Parigi, si è laureato e ha cominciato a lavorare come professore di lettere in un liceo. Pennac si è conquistato un pubblico di fedelissimi tra i lettori adulti con il romanzo “Il paradiso degli orchi” del 1985, primo libro che vede protagonista Benjamin Malaussène e altri personaggi bizzarri. “La fata carabina” è il secondo libro di questa serie ed è stato pubblicato nel 1987.

Il governo di tutti di Calenda

Immagine
L’Italia è in una situazione di stallo. 44 giorni dopo le elezioni politiche del 4 marzo non c’è ancora un governo, si va avanti con quello Gentiloni della precedente legislatura. Le consultazioni del presidente della Repubblica Sergio Mattarella sono interessanti come i monologhi di Giampiero Mughini a “Tiki Taka”. La Lega vuole governare con il Movimento 5 Stelle, mentre i “grillini” pretendono che il centrodestra butti nel cestino il vecchio pregiudicato Silvio Berlusconi. E il Partito Democratico?

E’ morto il sergente maggiore Hartman

Immagine
E’ morto all’età di 74 anni Ronald Lee Ermey. A molti questo nome dirà poco o nulla. Il signore è diventato celebre per aver interpretato il sergente maggiore Hartman nel film “Full Metal Jacket” di Stanley Kubrick. Un ruolo che conosceva bene, avendo prestato servizio realmente nella Marina militare americana per 10 anni, dal 1961 al 1972, quando venne congedato per motivi medici. Inizialmente fu chiamato dalla produzione del film solo in veste di assistente, ma il regista Kubrick cambiò idea dopo aver visionato un video di addestramento dello stesso Ermey.

La manifestazione contro il debito ingiusto

Immagine
Napoli è una città divisa per colpa della politica. La manifestazione “No al debito ingiusto” in piazza Municipio è stata promossa dal sindaco Luigi De Magistris contro le sanzioni disposte dalla Corte dei Conti. Hanno aderito associazioni civiche, movimenti, migranti, precari e semplici cittadini. L’opposizione, con il Partito Democratico in testa, ha avuto la brillante idea di promuovere una contro manifestazione in piazza Trieste e Trento. C’è da dire che gli esponenti del PD hanno dato forfait dopo pochi minuti. Il motivo? Erano presenti anche quelli di Casapound.

Bankitalia: Debito pubblico a 2.286,4 miliardi di euro

Immagine
La Banca d’Italia ha diramato il supplemento al Bollettino di Finanza Pubblica. A febbraio 2018 il debito pubblico italiano si è attestato a 2.286,4 miliardi di euro, in calo di 0,1 miliardi rispetto ai 2.286,5 di gennaio 2018*. Il dato è comunque inferiore al record storico di  2.300 miliardi registrato a luglio 2017.

Istat: Spesa per consumi cresce più del reddito

Immagine
In Italia cresce la spesa per i consumi e cala la propensione al risparmio. E’ quello che emerge dal rapporto “Conti economici nazionali per settore istituzionale” pubblicato oggi(13 aprile) dall’Istat. Nel 2017 le famiglie hanno aumentato la spesa per consumi finali del 2,5% in termini nominali. La crescita è superiore rispetto all’incremento del reddito disponibile(+1,7%) e conseguentemente la propensione al risparmio è scesa dello 0,7% rispetto al 2016 e si è attestato al 7,8%.

La rivolta delle donne PD per le quote rosa

Immagine
Donne del PD in rivolta contro i vertici del partito. Il gentil sesso del Partito Democratico affidano a un appello il loro “mai più” ad un gruppo politico sempre più chiuso. Vi sbagliate di grosso se pensate che le donne PD siano in rivolta contro la linea politica imposta dal segretario dimissionario Matteo Renzi. La loro protesta nasce per la mancata presenza di donne alle consultazioni con il presidente Sergio Mattarella. Il PD è l’unico partito che si è presentato con solo maschi(vedi foto), che oltretutto sembravano dei becchini. In poche parole protestano per le quote rosa.

Siria fa scoppiare nuova Guerra Fredda

Immagine
La Siria è una zona di guerra dal 15 marzo 2011, giorno in cui sono iniziate le prime dimostrazioni pubbliche contro il governo centrale di Assad. Le rivolte si sono estese in tutto il Paese e quindi in una guerra civile nel 2012. Il conflitto in Siria è ancora in corso, ma gli occidentali se ne accorgono solo ora. Cosa è successo? Molti Stati accusano il governo siriano di essere responsabile del presunto attacco chimico a Duma.

Ocse: Tassa patrimoniale per ridurre diseguaglianza in Italia

Immagine
La crisi economica dell’ultimo decennio ha fatto crescere la diseguaglianza nel mondo. L’Italia è uno dei Paesi dove la concentrazione di ricchezza verso l’alto è diventata più evidente. Nel 2016 il 5% del “paperoni” deteneva il 30% della ricchezza complessiva. Il 30% più ricco delle famiglie ha circa il 75% del patrimonio netto rilevato nel complesso, con una ricchezza netta media di 510.000 euro. Questo è quello che emerge dall’indagine di Bankitalia sui bilanci delle famiglie italiane pubblicata il mese scorso

Un cerotto per misurare glicemia

Immagine
La glicemia indica la concentrazione di glucosio nel sangue, fondamentale per l’organismo poiché è il nutriente essenziale per tutte le cellule. Misurare la glicemia è importante per avere una diagnosi precoce di diabete. Sono considerarsi sintomi di diabete quando il valore della glicemia è uguale o superiore a 126 mg/dl a digiuno. Le persone diabetiche devono fare il controllo della glicemia diverse volte a giorno in base al grado della malattia.

Parte dichiarazione dei redditi 2018

Immagine
Parte la stagione della dichiarazione dei redditi 2018. L’Agenzia delle Entrate informa che il modello è disponibile sia per il 730 sia per il modello Redditi. La precompilata diventa più ricca di dati. Quest'anno saranno caricati 925 milioni di informazioni e, per la prima volta, ci saranno anche le spese sostenute dalle famiglie per gli asili nido. Tra questi, sono 720 milioni i dati delle spese sanitarie sostenute dai cittadini e comunicati all’Agenzia delle Entrate da farmacie, studi medici, cliniche, ospedali, in crescita del 4,3% rispetto a quelli trasmessi nel 2017.

Terremoto di magnitudo 4.6 a Muccia

Immagine
Alle 5.11 c’è stata una scossa di terremoto di magnitudo 4.6 in provincia di Macerata, nelle Marche. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Muccia, Pieve Torina, Pievebovigliana, Fiordimonte, Serravalle di Chienti, Camerino, Monte Cavallo e Fiastra. L’ipocentro è stato localizzato a 8 km di profondità. L’epicentro dista 53 km da Perugia, 65 da Terni e 85 dall’Aquila. La scossa ha fatto crollare il piccolo campanile della Chiesa del ‘600 Santa Maria di Varano a Muccia. Sospesa e riattivata dopo poche ore la circolazione ferroviaria lungo la linea interna Civitanova Marche-Macerata.

Slitta abbattimento Vele di Scampia

Immagine
“A Napoli abbatteremo le Vele di Scampia prima dell’estate di quest’anno”. E’ la dichiarazione fatta da Luigi De Magistris il 6 marzo 2017, dopo la firma per la riqualificazione delle periferie italiane. L’estate del 2017 è passata da un pezzo e si avvicina quella del 2018, ma le Vele sono ancora in bella mostra. L’assessore del Comune di Napoli Carmine Piscopo annunciò lo scorso dicembre che i lavori per l’abbattimento delle Vele sarebbe partiti entro e non oltre la fine di marzo 2018. Purtroppo nemmeno questa data è stata rispettata. La demolizione delle Vele slitta a data indefinita.

La sceneggiata del giornalista Iacoboni

Immagine
La sceneggiata di Jacopo Iacoboni è diventato un caso politico. Il giornalista del giornale “La Stampa” è stato respinto all’ingresso di Sum02#, l’evento organizzato dall’Associazione Gianroberto Casaleggio a Ivrea. Iacoboni si è presentato all’ingresso senza l’accredito e voleva entrare a tutti i costi. Qualcuno sostiene che avesse addirittura un badge tarocco.

ABI: 18 milioni usano servizi bancari dal web

Immagine
Lo sportello bancario sta per diventare antiquato. Sempre più italiani preferiscono utilizzare i servizi bancari dal web evitando di andare in banca. Lo rileva un’indagine dell'Associazione Bancaria Italiana(ABI), in collaborazione con GfK. Operare in mobilità è un comportamento ormai diffuso fra la clientela bancaria e lo smartphone rappresenta una via efficace per dialogare con la propria banca e accedere alle informazioni e ai servizi.

Auchan scarica crisi sui lavoratori

Immagine
Non c’è pace per i lavoratori di Auchan, la catena francese di supermercati e ipermercati presente in Italia con 1900 punti vendita. Dopo il trasferimento forzato imposto ai dipendenti nel 2016 per “salvare” il posto di lavoro, ora l’azienda vende l’ipermercato di via Argine a Napoli alla società “Sole 365”. L’operazione è stata fatta senza informare sindacati e lavoratori. Auchan ha annunciato la chiusura del punto vendita entro il 30 aprile 2018. I 138 addetti del punto vendita hanno indetto uno sciopero ad oltranza.

Il renziano

Immagine
Le elezioni politiche dello scorso 4 marzo hanno sancito la disfatta del Partito Democratico di Matteo Renzi. Nonostante questo, Renzi e company continuano a fare i gradassi in giro per l’Italia menzionando scuse assurde per giustificare la sconfitta elettorale. Il problema non sono solo i politici del PD, ma anche i militanti contribuiscono a rendere più spassosa la nostra vita. Nelle ultime settimane è nata una nuova sottospecie umana: il renziano. Questo “tipo di umano” lo riconosci subito dalle cazzate che escono dalla sua bocca o da quello che scrive sui social. Il renziano è convinto che la sconfitta alle politiche è dovuta all’ignoranza della maggioranza degli elettori e alla mancata vittoria del Sì al referendum del 4 dicembre 2016.

Il business dei migranti

Immagine
L’emergenza migranti è diventato uno dei business più redditizi in Italia. Negli ultimi tre anni il nostro Paese ha buttato al vento 11 miliardi di euro per fare finta accoglienza. La gran parte dei soldi, infatti, è finita nei conti correnti di faccendieri, associazioni e cooperative, solo una percentuale bassissima è andata ai profughi. Per questo motivo molti considerano i migranti un “prodotto” per rimpinguare il conto in banca. Una domanda sorge spontanea: chi paga questo business?

Istat: Disoccupazione febbraio al 10,9%

Immagine
Oggi(4 aprile), l’Istat ha pubblicato i dati sul lavoro in Italia. Nel mese di febbraio 2018 il tasso di disoccupazione è al 10,9%, in calo di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente e dello 0,5% nei dodici mesi. Il numero dei disoccupati, pari a 2.835 mila, calano dell’1,7% rispetto a gennaio(-49 mila) e del 4,8% su base annua(-143 mila).

Eurostat: Salvataggio banche venete incide sul debito Italia

Immagine
Nel 2017 i conti pubblici dell’Italia sono migliorati rispetto all’anno precedente. Il PIL è cresciuto dell’1,5% e questo ha contribuito all’abbassamento del rapporto debito/PIL e deficit/PIL, scesi rispettivamente al  131,5% e all’1,9%. Questi “magnifici” risultati pubblicati dall’Istat sono a rischio revisione per colpa del salvataggio delle banche venete. A lanciare l’allarme è l’Eurostat, l’Ufficio Statistico dell’Unione Europea.

Il piano anti migranti di Israele

Immagine
La questione migranti sta diventando una barzelletta. All’inizio del 2018 Israele ha messo in atto un piano per espellere eritrei e sudanesi entrati illegalmente nel Paese. In caso di rifiuto, i 16.250 migranti sarebbero stati sbattuti in carcere o cacciati da Israele con espulsioni forzate. Gli eritrei e sudanesi non sarebbero stati rimpatriati ma ricollocati in altri paesi africani. Il piano di Israele ha subito lo stop di Ruanda e Uganda, che hanno comunicato che non avrebbero accettato persone espatriate contro la loro volontà.

L’emergenza morti bianche in Italia

Immagine
In Italia si continua a morire sul luogo di lavoro. Ieri(1 aprile) la Pasqua è stato funestato dalla morte di due operai in un’azienda di mangimi di Treviglio, in provincia di Bergamo. Sale a 154 il numero di morti bianche nel primo trimestre 2018. I media nazionali ci hanno terrorizzato ogni giorno con la storia dei femminicidi, ma la vera emergenza in Italia sono le morti bianche. I politici non hanno fatto nessuna legge ad hoc sul lavorificio.

Tensione Italia-Francia per irruzione a Bardonecchia

Immagine
Cresce la tensione tra Italia e Francia per l’irruzione di quattro agenti della Polizia doganale francese nella sala della stazione di Bardonecchia, in provincia di Torino. Il blitz si è verificato la sera dello scorso 30 marzo. Un migrante nigeriano è stato costretto a sottoporsi al test delle urine. La denuncia è arrivata dall’associazione Rainbow for Africa, impegnata a assistere i profughi che scelgono le Alpi nel tentativo di attraversare la frontiera. I volontari hanno dichiarato: “Un presidio sanitario è luogo neutro, rispettato anche nei luoghi di guerra”.