Il governo di tutti di Calenda

Il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda vuole un governo di tutti per superare lo stallo istituzionale e la formazione di una commissione bicamerale sulle riforme istituzionali. Il professore Luciano Canfora auspica che il PD faccia un proposta di governo.

Carlo CalendaL’Italia è in una situazione di stallo. 44 giorni dopo le elezioni politiche del 4 marzo non c’è ancora un governo, si va avanti con quello Gentiloni della precedente legislatura. Le consultazioni del presidente della Repubblica Sergio Mattarella sono interessanti come i monologhi di Giampiero Mughini a “Tiki Taka”. La Lega vuole governare con il Movimento 5 Stelle, mentre i “grillini” pretendono che il centrodestra butti nel cestino il vecchio pregiudicato Silvio Berlusconi. E il Partito Democratico?

Il segretario dimissionario Matteo Renzi ha ordinato ai suoi seguaci di non fare accordi. La cosa buffa è che ora stanno all’opposizione al nulla, visto che non c’è ancora un governo. La parte non renziana del PD vuole entrare in gioco e formare un governo di scopo. L’ultima “perla” arriva da Carlo Calenda, il ministro dello Sviluppo Economico che ha preso la tessera del PD dopo le “finte” dimissioni di Renzi. Calenda vuole un governo di transizione appoggiato da tutti e una commissione bilaterale per rimettere mano alla legge elettorale e alle altre riforme incompiute. L’ex ministro ha detto questa “perla” in un’intervista al giornale “La Repubblica”. Quello che vuole la new entry del PD è un governo tecnico tipo quello di Mario Monti. Sappiamo tutti come è andata a finire. All’epoca c’era fretta per la crisi economica, questa volta gli anti democratici tirano in ballo la guerra in Siria. L’ex ministro Calenda ha dichiarato: “La crisi siriana è destinata ad allargarsi. L’Italia rischia di essere l’anello fragile di un Occidente fragilissimo”. La strategia del terrore funziona sempre per impressionare i prolet. Un’altra “perla” è stata detta ad “Agorà”(video) dal professore Luciano Canfora. Il vecchio vuole che il Partito Democratico faccia una proposta di governo. Capito? Il partito che ha perso le elezioni dovrebbe dettare legge. In studio sono rimasti tutti stupefatti, compreso il giornalista Paolo Mieli.

La "perla" del professore Luciano Canfora

Il professore Luciano Canfora vuole che il Partito Democratico faccia una proposta di governo. Capito? Il partito che ha perso le elezioni dovrebbe fare il governo. In studio rimangono tutti stupefatti, compreso il giornalista Paolo Mieli.

Pubblicato da Maxso Magazine su lunedì 16 aprile 2018

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Carta di identità elettronica alle Poste

Cimiteri comunali di Napoli senza illuminazione