IVASS: Nuove regole per attestato di rischio

IVASS definisce nuove regole per l’attestato di rischio e per la trasferibilità della classe di merito della polizza RC auto. Stretta anti-furbetti su incidenti e cambio assicurazione.

Una donna al volanteIVASS introduce due nuove regole per l’attestato di rischio dell’assicurazione RC auto. La prima corregge un “bug” sulla sinistrosità dell’assicurato. Per adeguare la normativa secondaria e la disciplina tecnica della banca dati degli attestati di rischio, ora verranno presi in considerazione anche i sinistri pagati fuori dal periodo di osservazione oppure pagati dopo la scadenza del contratto, laddove l’assicurato abbia cambiato compagnia.

Fino ad oggi alcuni assicurati denunciavano un incidente solo dopo aver cambiato compagnia assicurativa. Grazie a questo “escamotage” non perdevano la classe di merito acquisita prima dell’incidente. Con la nuova regola dell’attestato di rischio dinamico saranno rimossi comportamenti elusivi o fraudolenti, a beneficio degli assicurati virtuosi. La seconda novità importante riguarda la trasferibilità della classe di merito della polizza RC auto. IVASS introduce benefìci a favore di talune categorie di assicurati in precedenza trascurate. D’ora in poi la classe di merito sarà possibile da trasferire non più solo ai figli e ai coniugi, ma anche nelle coppie di fatto. L’attestato di rischio conserva validità per un periodo di 5 anni a decorrere dalla scadenza del contratto al quale tale attestato si riferisce. Decorsi 15 giorni dalla scadenza del contratto di cui al comma precedente, l’utilizzo dell’attestazione è subordinato alla presentazione di una dichiarazione sottoscritta dal contraente o dal proprietario del veicolo, riferita al periodo successivo alla scadenza del contratto al quale l’attestato si riferisce, che attesti la mancata circolazione ovvero la stipula di una polizza di durata temporanea.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pagamento scrutatori non erogato a Napoli

Taglio pensioni d’oro lo chiede l’UE

Severgnini: Avete visto cosa è successo ai Paesi usciti dall’euro?

Come risolvere il problema della spesa pensionistica?

Eurostat: Cresce divario PIL pro capite Italia e UE

Il caso New York University di Conte