Stadio Collana, un impianto abbandonato

Il contenzioso tra Regione Campania e Comune di Napoli ha fatto diventare lo stadio Collana un impianto abbandonato. La struttura è stata chiusa il 25 gennaio 2016.

Stadio CollanaLo stadio Collana è un impianto sportivo polivalente di Napoli situato sulla collina del Vomero. Dal 1933 al 1959 ha ospitato le gare interne della squadra di calcio della città. In seguito è stato lo stadio del Campania e dell’Internapoli. L’impianto è stato utilizzato anche per le gare di football americano e rugby XV. Lo stadio Collana è chiuso dal 25 gennaio 2016 per una serie di lungaggini burocratiche e di “presunti” lavori di messa in sicurezza. L’impianto del Vomero doveva essere una delle sedi delle Universiadi 2019, ma lo stato di degrado attuale fa pensare che difficilmente lo stadio di Collana possa essere pronto per quell’evento sportivo.

La guerra tra Regione Campania e Comune di Napoli ha fatto diventare lo stadio Collana un impianto abbandonato. Entrati nella struttura del Vomero la prima impressione è quella di trovarsi in una zona di guerra che ha subito dei bombardamenti. A regnare è il degrado e l’abbandono. Su 194.000 euro di lavori appaltati, circa 149 mila occorrono per le opere edili, mentre altri 40 mila euro per la pulizia ed il giardinaggio. Al momento risultano effettuate operazioni di sbanco della pista sotto le tribune per mettere a nudo l’impianto La tribuna con lesioni strutturalianti-incendio, mentre la piscina è stata soltanto puntellata e nulla è stato fatto per le palestre e per lo spogliatoio del rugby. Si evidenziano inoltre gravi lesioni strutturali in prossimità di una tribuna(foto). Il degrado e l’abbandono sono le conseguenze della burocrazia.

La Regione Campania ha deciso prima con Stefano Caldoro e poi con Vincenzo De Luca di affidare lo stadio Collana a privati e non più in concessione al Comune di Napoli. Il bando regionale è stato vinto dalla Giano s.r.l., una società in cui figurano come soci i fratelli Cannavaro, Fabio e Paolo, e Ciro Ferrara. La Giano s.r.l. l’ha spuntata sulla Cesport, composta dalle associazioni del Collana. Il Comune di Napoli si è opposto al bando, ma alla fine il Consiglio di Stato ha dato ragione alla Regione Campania. Lo stadio Collana resta di proprietà regionale ma sarà gestito da privati. Il contenzioso ha fatto perdere tempo e i 12 milioni di euro che potevano servire per la ristrutturazione sono andati in fumo. I cittadini del Vomero(e non solo) chiedono a gran voce che l’impianto venga ripristinato al più presto per ospitare gare sportive. Lo stadio Collana è una struttura cruciale per la qualità della vita dei napoletani e rappresenta anche un importante centro economico e lavorativo pe la città.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Pagamento scrutatori non erogato a Napoli

Taglio pensioni d’oro lo chiede l’UE

Severgnini: Avete visto cosa è successo ai Paesi usciti dall’euro?

Come risolvere il problema della spesa pensionistica?

Eurostat: Cresce divario PIL pro capite Italia e UE

Il caso New York University di Conte