Terremoto di magnitudo 4.6 a Muccia

Una scossa di terremoto di magnitudo 4.6 è stata rilevata dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia a Muccia. Il terremoto ricade nell’area della sequenza sismica iniziata il 24 agosto 2016 con la scossa ad Amatrice.

Terremoto MucciaAlle 5.11 c’è stata una scossa di terremoto di magnitudo 4.6 in provincia di Macerata, nelle Marche. L’epicentro è stato localizzato tra i comuni di Muccia, Pieve Torina, Pievebovigliana, Fiordimonte, Serravalle di Chienti, Camerino, Monte Cavallo e Fiastra. L’ipocentro è stato localizzato a 8 km di profondità. L’epicentro dista 53 km da Perugia, 65 da Terni e 85 dall’Aquila. La scossa ha fatto crollare il piccolo campanile della Chiesa del ‘600 Santa Maria di Varano a Muccia. Sospesa e riattivata dopo poche ore la circolazione ferroviaria lungo la linea interna Civitanova Marche-Macerata.

L’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia(INGV) ha diramato una nota in cui c’è scritto che il terremoto di stamane è legato alla sequenza sismica iniziata il 24 agosto 2016 con l’evento di magnitudo 6 avvenuto nei pressi di Amatrice e Accumoli(RI) e culminato con la scossa del 30 ottobre 2016 di magnitudo 6.5. Tale sequenza si è gradualmente sviluppata interessando un’ampia fascia dell’Appennino centrale, un’area di circa 1200 km², estesa per circa 80 km in direzione NNW-SSE e larga circa 15-20 km, dalla provincia di Macerata, nelle Marche, alla provincia dell’Aquila, in Abruzzo. Negli ultimi mesi del 2017 sono stati localizzati una media di 30-40 eventi al giorno. I primi di marzo 2018 la sismicità è aumentata superando in un caso i 100 eventi al giorno e anche in questi primi giorni di aprile ha superato i 140 eventi al giorno. Questo aumento di sismicità è prevalentemente concentrato proprio nel settore più settentrionale del sistema di faglie attivato nel 2016, vicino ai comuni di Muccia, Pieve Torina, Pievebovigliana. L’evento odierno rappresenta, quindi, un incremento di energia rilasciata rispetto agli ultimi due mesi di sequenza. Alle 6.19 c’è stata una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 con epicentro nel piccolo comune di Ocre, alle porte della periferia est della città dell’Aquila. Il 30 marzo 2018 la città è stata interessata da un terremoto di magnitudo 3.9. Il 6 aprile scorso è ricaduto l’anniversario del sisma del 2009 di magnitudo 6.7 che causò la morte di 309 persone.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Migrante viene inquadrato dalla telecamera di Agorà

Il cimitero islamico a Napoli

Inps spende 426 milioni per assegni assistenziali agli stranieri

Taglio accise carburanti provoca buco di 4 miliardi

Crisi ANM colpisce periferia

L’imprenditore che non trovava personale si lamenta dei lavori