Bandiere Blu 2018 premiano Liguria

L'edizione Bandiere Blu 2018 premia ben 368 spiagge, 26 in più rispetto al 2017, che corrispondono a 175 Comuni rivieraschi. Al primo posto c'è la Liguria con 27 Bandiere. La Campania sale al terzo posto.

Piano di SorrentoOggi(7 maggio) sono state rese note tutte le spiagge “Bandiere Blu” del 2018. L’assegnazione è stata fatta dalla Fondazione per l’educazione ambientale(Fee). La 32esima edizione delle “Bandiere Blu” premia ben 368 spiagge, 26 in più rispetto al 2017, che corrispondono a 175 Comuni rivieraschi. Rispetto al 2017 ci sono 12 Comuni in più. Le spiagge doc italiane costituisco il 10% di quelle premiate a livello mondiale. Le Bandiere Blu sono assegnate dal 1987 a spiagge e approdi, giudicati rispettivamente per qualità delle acque di balneazione e pulizia in prossimità dei porti, secondo oltre 20 parametri.

Nel 2018 conquistano il vessillo Sellia Marina, Tortora, Sorrento, Ispani, Cattolica, Peschici, Rodi Garganico, Zapponeta, Trinità d’Agultu, Vignola, Bernalda, Nova Siri e Marina dell’Orso di Poltu Quatu, mentre lo perdono Anzio, Gabicce Mare, Termoli e Pozzallo. La Liguria conferma il record con 27 vessilli assegnati dalla Fee, lo stesso numero del 2017. La regione del Nord è stata promossa non solo per il mare pulito ma anche per servizi, vivibilità e sostenibilità. Pieni voti al mare della Toscana, che conferma la seconda posizione con 19 Bandiere Blu. Al terzo posto sale la Campania grazie a tre nuovi ingressi: Piano di Sorrento(foto), Sorrento e Ispani. In totale sono 18 Bandiere per la Campania. Oltre alle tre new entry, tra i premiati figurano tanti Comuni soprattutto nella Una spiaggia a Metapontoprovincia di Salerno, da Positano a Pollica, passando per Centola e Sapri. Ai piedi del podio c’è le Marche con 16 Bandiere, una in meno rispetto al 2017 dovuta all’uscita di Gabicce Mare. La Puglia sale a 14 Bandiere Blu grazie agli ingressi di Peschici, Rodi Garganico e Zapponeta. Subito dietro con 13 vessilli la Sardegna grazie ai due nuovi ingressi Bari Sardo e Trinità d’Agultu e Vignola. L’Abruzzo sale a quota 9 Bandiere Blu con l’ingresso del lago di Scanno. 9 vessilli anche per la Calabria grazie ai due nuovi ingressi Tortora e Sellia Marina. Il Veneto conferma le 8 Bandiere del 2017. Stesso numero di vessilli anche per il Lazio, che però perde Anzio ma ma recupera con il nuovo ingresso Trevignano romano. L’Emilia Romagna sale a 7 Bandiere Blu grazie all’ingresso di Cattolica, mentre la Sicilia scende a 6 vessilli per colpa dell’uscita di Pozzallo. La Basilicata cresce a 4 Bandiere Blu grazie ai due nuovi ingressi di Nova Siri e Bernalda. Il Friuli Venezia Giulia resta con solo 2 vessilli. La classifica è chiusa dal Molise con una Bandiera Blu, una in meno rispetto al 2017.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assessore Sardu fa l’interprete del consigliere extracomunitario

Winback con rimodulazione di Vodafone

PD di Renzi considera 80 euro un totem

Goletta Verde: Inquinato 48% mare Italia

BCE: In Italia redditi da lavoro inferiori al periodo pre-crisi

Il crollo della Lira turca