Lega Serie A saluta Mediapro e tratta con Sky

La Lega di Serie A ha votato all'unanimità di risolvere il contratto con Mediapro. Il gruppo spagnolo si era aggiudicata i diritti TV della Serie A per il triennio 2018-2021. Ora trattativa privata con Sky-Perform.

Lazio - UdineseL’assemblea della Lega di Serie A ha approvato all’unanimità la delibera per la risoluzione del contratto con Mediapro. Il gruppo spagnolo si era aggiudicata i diritti TV della Serie A per il triennio 2018-2021 per 1,050 miliardi di euro l’anno. Oggi Mediapro ha presentato una garanzia di 186 milioni, che si va a sommare all’anticipo di 64 milioni versato nel mese di marzo, chiedendo l’attivazione dell’iter per arrivare al lancio del canale tematico, ma ai club di Serie A non è bastato.

I diritti TV della Serie A per il triennio 2018-2021 tornano in mano alla Lega che ora potrebbe avviare le trattative per vendere direttamente i vari pacchetti. Si parla di un’offerta Sky-Perform da 950 milioni di euro all’anno. Quanto deliberato dall’assemblea della Lega Serie A avrà piena efficacia tra sette giorni. La telenovela dei diritti TV non è finita: Mediapro potrebbe evitare la risoluzione versando entro questa data la fideiussione da 1,2 miliardi di euro. Difficile, però, che questa ipotesi si verifichi. La trattativa con Sky-Perform si chiuderà in fretta e così il 19 agosto 2018, quando partirà la nuova stagione di Serie A, il campionato si vedrà in TV. La guerra dei diritti TV è stata vinta dalla piattaforma televisiva a pagamento di Rupert Murdoch, che ora si trova in condizioni di monopolio dopo l’accordo con Mediaset. La cosa renderà più complicata la vita agli abbonati.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato ex penicillina

Assicurazione RC auto con scatola nera

Cimiteri comunali di Napoli senza illuminazione

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Istat: Stipendio medio cala a 13,97 euro l’ora

Istat: PIL pro capite Sud metà di Nord