La sicurezza sul lavoro precaria in Italia

La sicurezza sul lavoro continua ad essere precaria in Italia. Dal primo gennaio 2018 sono 257 i morti sui luoghi di lavoro. Ieri gravi incidente nelle Acciaierie Venete a Padova. I politici quando si occuperanno del lavorificio?

La sicurezza sul lavoro precaria in ItaliaLa sicurezza sul lavoro in Italia continua ad essere precaria. Sempre più persone escono per guadagnarsi da vivere e non tornano più a casa. Ieri(13 maggio) c’è stato un grave incidente sul lavoro in Veneto. Quattro operai sono rimasti ustionati, tre in modo molto grave nelle Acciaierie Venete, a Padova. Secondo una prima ricostruzione, i lavoratori sarebbero stati investiti da una colata di materiale incandescente. L’incidente si sarebbe verificato per la rottura di alcuni supporti che sostengono i tubi in cui scorre l’acciaio liquido.

Tre operai sono in condizioni gravi e sono stati portati con gli elicotteri nei centri grandi ustioni degli ospedali di Padova, Cesena e Verona. Due lavoratori hanno riportato ustioni sul 100% del corpo, il terzo sul 70%. La Fiom ha proclamato per oggi uno sciopero negli stabilimenti di Acciaierie Venete. Non è ammissibile che nel ventunesimo secolo delle persone debbano rischiare la vita sul luogo di lavoro. La sicurezza dovrebbe essere un priorità in Italia, invece le aziende pensano solo ad aumentare i profitti. I media nazionali ci hanno terrorizzato ogni giorno con la storia dei femminicidi, ma la vera emergenza in Italia è la sicurezza sul lavoro precaria. I politici non hanno fatto nessuna legge ad hoc sul “lavorificio”. Dall’inizio del 2018 sono 257 i morti sui luoghi di lavoro in Italia. Lo sottolinea l’Osservatorio indipendente di Bologna, che da 10 anni monitora l’andamento degli infortuni mortali. La regione che ha registrato più morti bianche è il Veneto con 29 decessi sul luogo di lavoro. Seguno Lombardia(28) e Campania(21). Il mondo del lavoro è stato massacrato nei diritti e sulla sicurezza negli ultimi anni. Speriamo che almeno si salvino i 3 operai in condizioni gravissime delle Acciaierie Venete. Molti lavorano per vivere, ma in alcuni casi il lavoro toglie la vita per la scarsa sicurezza.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Afro-Napoli ha svincolato tutte le calciatrici

Sassari Primo rimosso dalla rada del porto di Baia

La tariffa unica per l’assicurazione RC auto

Moody’s taglia rating Italia a Baa3

Muro del bosco di Capodimonte a rischio crollo

Mimmo Lucano si difende citando il nazismo