Sindaco De Magistris fa propaganda sulla pelle dei migranti

La nave Aquarius è ferma nel Mediterraneo con 629 migranti a bordo per lo scontro tra Italia e Malta. De Magistris vuole farli sbarcare a Napoli, una città dove non vengono garantiti i servizi minimi essenziali. Il sindaco fa propaganda sulla pelle dei migranti.

Luigi De MagistrisIeri(10 giugno) è stata la classica domenica calda di giugno. Qualcuno è andato al mare, altri hanno preferito sparare baggianate sui social. Tra un clic e l’altro è scoppiato anche il “caso” della nave Aquarius battente bandiera di Gibilterra. La nave ONG di Sos Mediterranee ha raccolto 629 migranti al largo della Libia ed era pronta a “scaricarli” in Italia. E’ arrivato il no del ministro dell’Interno Matteo Salvini. Il leghista ha spiegato che il porto più sicuro è quello di Malta. Le autorità maltesi hanno risposto di non avere competenza.

Le conseguenze dello scontro? La nave Aquarius è ferma da diverse ore a 35 miglia nautiche dall’Italia e 27 da Malta. Questo “caso” dimostra il fallimento dell’Unione Europea. Il progetto UE, nato per unire il popolo europeo, rischia di finire per colpa dei migranti. Sono diversi anni che l’Italia si ritrova ad affrontare in totale solitudine l’emergenza migranti, ma c’è ancora qualche “fessacchiotto” che spera nell’aiuto dell’Unione Europea. Bruxelles ci ha fatto capire più volte che a loro non interessa un tubo dei migranti che arrivano in Italia. Sulla vicenda nave Acquarius è intervenuto Luigi De Magistris con un tweet. Il sindaco di Napoli scrive: “Il porto di Napoli è pronto ad accogliere migranti. Noi siamo umani, con un cuore grande. Napoli è pronta, senza soldi, per salvare vite umane”. Qualcuno dovrebbe spiegare all’ex magistrato che far sbarcare migranti non significa salvargli la vita. L’accoglienza è una cosa seria.

In questo momento storico la città di Napoli non può accogliere nemmeno un cagnolino, figuriamoci delle persone che hanno bisogno di cura e assistenza. Il sindaco De Magistris è un megalomane: non riesce a garantire i servizi minimi essenziali ai cittadini e allo stesso tempo fa propaganda sulla pelle dei migranti. Un tema problematico non di facile soluzione come quello dei migranti non può essere risolto con un tweet o un “pisciatone” su Facebook. La “sparata” del sindaco De Magistris non è piaciuta ai cittadini: molti hanno commentato il post citando i problemi della città. L’ex magistrato dovrebbe pensare ad amministrare la città invece di fare il populista. Sapete che vi dico? Io sono disposto ad accogliere le persone a bordo della nave Acquarius, a condizione che vengano ospitati a Palazzo San Giacomo e gli "sfrattati" dell’amministrazione arancione siano portati sulla nave per spedirli in Libia. Il comune di Napoli deve essere commissariato, non c’è altra soluzione. Abbiamo un sindaco megalomane che ha perso il contatto con la realtà.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato ex penicillina

Assicurazione RC auto con scatola nera

Cimiteri comunali di Napoli senza illuminazione

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Istat: Stipendio medio cala a 13,97 euro l’ora

Istat: PIL pro capite Sud metà di Nord