Rolling Stone si schiera contro Salvini con adesioni fasulle

"Noi non stiamo con Salvini. Da adesso chi tace è complice". E' l'appello lanciato dal periodico Rolling Stone e firmato da musicisti, attori, scrittori e figure legate allo showbiz. Peccato che alcune adesioni sono fasulle. Selvaggia Lucarelli stronca la rivista: "In fuga come dalla Siria".

La copertina del Rolling Stones“Noi non stiamo con Matteo Salvini. Rolling Stone si schiera, e insieme a noi musicisti, attori, registi, scrittori e da oggi tutti voi”. E’ l’appello lanciato dal periodico italiano di musica, politica e cultura di massa. Rolling Stone vuole una società aperta, libera e moderna. Nell’appello si legge: “Crediamo che oggi in Italia sia fondamentale prendere una posizione chiara, crediamo che volgere lo sguardo dall’altra parte e aspettare che passi la bufera equivalga a essere complici, crediamo, una volta di più, nel soft power della cultura pop, nella sua capacità di unire, condividere, accogliere”.

Tra gli aderenti a questa iniziativa risulta anche Enrico Mentana, ma il direttore del Tg La7 si è subito dissociato con un post su Facebook. Mentana scrive: “Non credo agli appelli o alle prese di posizione perentorie e che servono solo a scopi identitari, o a volte peggio mirano a un po’ di pubblicità gratuita. Con sorpresa ho trovato il mio nome tra gli aderenti a questa iniziativa. E’ un caso di malcostume, trasandatezza, sciatteria? Non so, non ho ancora letto la rivista. So però che il suo direttore mi aveva chiesto l’adesione, e la risposta è stata chiara: No”. Anche lo scrittore Alessandro Robecchi‏ si è trovato nell’elenco a sua insaputa. In pratica Rolling Stone si schiera contro Salvini con adesioni fasulle. Quella del periodico è l’ennesima campagna moralizzatrice che non serve a nulla e che rischia di far prendere ulteriore consenso al Ministro dell’Interno. Il periodico dove era quando Matteo Renzi ha demolito i diritti dei lavoratori?

L’attacco di Selvaggia Lucarelli

La giornalista Selvaggia Lucarelli è stata direttrice del Rolling Stone per tre mesi all’inizio del 2018, si è dimessa per l’ambiente di lavoro  tossico, illiberale, ostile, scorretto. In un post su Facebook la Lucarelli scrive: “Di moderno, libero, solidale, lì dentro forse al massimo c’è la macchinetta del caffè che distribuisce caffè a tutti. L’editore urla e umilia continuamente i suoi dipendenti, al punto che, per rimanere in tema umanità, c’è più gente che negli ultimi anni è scappata da Rolling Stone che dalla Siria”. Alcuni dipendenti hanno contratti da lavoratori esterni e sono costretti a scappare in strada quando vengono i controlli dell’Inpgi. La Lucarelli aggiunge: “Alla mia più diretta collaboratrice, che aveva un contratto da esterna ed era tutti i giorni in ufficio, a un certo punto è stato chiesto di non accompagnare più i figli a scuola e di presentarsi 30 minuti prima degli altri in redazione”. E meno male che Rolling Stone si batte per una società aperta, libera e moderna. Forse per moderna intendono una nuova forma di schiaviamo?

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

Sgomberato ex penicillina

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Carta di identità elettronica alle Poste