Lo strano caso del Peter Pan Park a Fuorigrotta

Il Peter Pan Park è un parco pubblico di Fuorigrotta gestito da un'associazione che resta aperto solo di giorno. Un'ordinanza comunale impone l'apertura H24. La decisione ha scatenato l'ira dei residenti.

Peter Pan ParkA Napoli la manutenzione del verde pubblico è diventato utopia in molte zone della città. Il Comune invoglia i cittadini o le associazioni ad “adottare” le aiuole per gestirle e rendere un servizio alla comunità. Una cosa simile è stata fatta a Fuorigrotta circa un anno fa. L’associazione “L’urlo” ha preso una zona di verde degradata e l’ha trasformata in un parco dei divertimenti dotato di giostre e intrattenimenti per i bambini, diventato da tempo un punto di ritrovo anche per le famiglie della zona.

L’area adottata si chiama Peter Pan Park e si trova a pochi passi dallo stadio San Paolo, la casa del Napoli calcio. La pulizia del parco viene fatta grazie all’autotassazione dei cittadini. Il cancello del Peter Pan Park veniva chiuso di notte per evitare che diventasse un luogo di ritrovo per tossici e senzatetto. Parlo al passato perché un'ordinanza comunale eseguita dalla X Municipalità ha imposto all’associazione di tenere aperto il parco 24 ore su 24. Lo strano caso del Peter Pan Park è diventato di dominio pubblico. I politicanti dicono che è suolo comunale e quindi non recintabile. Il parco può essere chiuso solo in occasione delle gare interne del Napoli. La decisione ha scatenato l’ira dei residenti e dei fruitori del Peter Pan Park. Alfredo Di Domenico(noto come Bukaman) ha raccolto la loro denuncia. La consigliera della X Municipalità Laura Carcavallo ha dichiarato: “Siamo sicuri che nel giro di pochi giorni tutta l’area sarà vandalizzata e tornerà allo stato di abbandono e degrado in cui era prima. Faremo tutto quello che è in nostro potere per permettere ai bambini di continuare a giocare nell’unico parco attualmente funzionante nell’area compresa tra Fuorigrotta e Bagnoli”. Lo strano caso del Peter Pan Park ci fa capire che l’adozione del verde pubblico non è la soluzione. Il Comune di Napoli vuole il parco aperto H24? Bene. Devo garantire la manutenzione ogni giorno.

Pubblicato da Alfredo Di Domenico su Giovedì 19 luglio 2018

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il razzismo al contrario dell’Afro-Napoli

Pivetti: Reddito di cittadinanza un’abominio sociale e morale

Vicenda Afro-Napoli diventa caso nazionale

La tariffa unica per l’assicurazione RC auto

Afro-Napoli ha svincolato tutte le calciatrici

Muro del bosco di Capodimonte a rischio crollo