La vittoria della Francia multietnica e l’inutilità del canone TV

La Francia conquista la Coppa del Mondo per la seconda volta nella storia, 20 anni dopo il primo successo. La vittoria della nazionale multietnica riaccende il dibattito politico in Italia sui migranti. I mondiali sulle reti Mediaset ci hanno fatto capire l'inutilità del canone TV.

I francesi alzano la Coppa del MondoI mondiali in Russia si sono conclusi ieri(15 luglio) con la vittoria della Francia sulla Croazia per 4-2. I Blues conquistano la Coppa del Mondo per la seconda volta nella storia, 20 anni dopo il primo successo. Nel 1998 l’attuale CT Didier Deschamps era il capitano di quella nazionale. Un’impresa riuscita in passato solo a Franz Beckenbauer e Mario Zagallo. Ha vinto la squadra più forte, non quella che gioca meglio. La Francia ha giocato all’italiana: tutti in difesa e contropiede. Questo ci fa capire che nel calcio conta avere chi butta la palla in rete; il tanto decantato "gioco" è solo un qualcosa in più che in molti casi non serve.

La vittoria della Francia in Russia infuoca il dibattito politico in Italia sul tema migranti. Il motivo? La rosa francese ha 14 calciatori di origine africana. Più che una vittoria dei blues sembra il trionfo del colonialismo francese. La nazionale multietnica dei nostri “cugini” viene presa come riferimento dalla sinistra italiana e da alcuni giornalisti pseudo intellettuali. “La Francia vince perché è multietnica”. Ecco il nuovo mantra politicamente corretto dei padroni del discorso turbomondialisti. Qualcuno sostiene che la mescolanza di origini ed etnie si dimostra la più forte. Sarà vero? Probabile. Il problema è che in Francia ci sono anche le banlieue, grandi agglomerati urbani delle aree periferiche dove pullula la delinquenza e in alcuni casi rappresentano il terreno fertile per il terrorismo islamico. La Francia non può essere presa come riferimento per l’integrazione. I problemi dell’Italia non si risolvono facendo venire in massa disperati dall’Africa. I mondiali in Russia sulle reti Mediaset sono stati un successo e questo ci fa capire che si può vivere benissimo anche senza Rai. Il governo in carica deve abolire il canone TV, una tassa obsoleta istituita nel 1938 dal governo di Benito Mussolini con il Regio decreto numero 246 del 2 febbraio 1938. La Rai non fa più servizio pubblico ma è diventato un “piazzificio” di mogli e parenti di giornalisti e politici. Non si può essere sostenitori della Francia multietnica e allo stesso tempo difendere una tassa fascista come il canone TV.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Carta di identità elettronica alle Poste

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Istat: A rischio povertà una persona su 4