Biglietto ANM corsa singola non più validi

I biglietti ANM di corsa singola da 1,10 euro non sono più validi. Lo ha deciso il Consorzio UnicoCampania. I nuovi ticket hanno una veste grafica con fondo azzurro e box blu.

Biglietti corsa singola ANMUn post pubblicato ieri(21 agosto) sulla pagina Facebook dell’ANM ha scatenato il terrore tra i pendolari. Cosa c’è scritto di così inquietante? L’Azienda Napoletana Mobilità ha comunicato che i biglietti di corsa singola da 1,10 euro con fondo giallo e box blu/viola non sono più validi dal 10 agosto 2018. Lo ha deciso il Consorzio UnicoCampania. Al loro posto sono stati presentati dei nuovi biglietti di corsa singola con fondo azzurro e box blu.

I possessori dei vecchi titoli ANM non più validi sono invitati a recarsi, per effettuare il cambio con i nuovi biglietti, presso le postazioni UnicoCampania all’interno delle stazioni della metropolitana di Garibaldi, Università, Vanvitelli e Dante. E’ possibile, inoltre, fare la sostituzione dei titoli nella sede di piazza Matteotti 7. Il fatto che la comunicazione avvenga con ben undici giorni di ritardo dovrebbe far riflettere sulla serietà dell’ANM. Io mi ritrovo con 4 biglietti non più validi e per effettuare il cambio dovrei comprare un nuovo ticket per recarmi in una delle postazioni UnicoCampania. Ci sono o ci fanno? Il Consorzio ha cambiato il colore dei biglietti di corsa singola per scoraggiare eventuali falsificatori di ticket. I biglietti sono dotati da tempo di una banda laterale con ologramma proprio per rendere più difficile la vita ai falsari.

Sostituzione titoli ANM corsa singola non piu' validi Dal 10 agosto 2018, tutti i titoli ANM di corsa singola da...

Pubblicato da Anm Napoli su Martedì 21 agosto 2018

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Alberi pericolanti nelle pinete del rione Monterosa

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

Donna intubata sommersa dalle formiche