Il ponte incompleto di San Giacomo dei Capri

Il ponte incompleto di San Giacomo dei Capri a Napoli è costato 800 milioni di lire per collegare il nulla. Il viadotto non è mai stato completato rimanendo un ponte sospeso tra le erbacce.

Ponte San Giacomo dei CapriIl crollo di una parte del ponte Morandi a Genova ha scatenato la psicosi in tutto il Paese. A Napoli è partita una task force che ha il compito di controllare lo stato dei ponti cittadini. Tra un sopralluogo e l’altro, è tornato alla ribalta anche il ponte incompleto di San Giacomo dei Capri. Quest’opera incompiuta è il classico esempio di spreco di denaro pubblico accompagnato da devastazione ambientale. I lavori si interruppero per difficoltà negli espropri.

Il ponte avrebbe dovuto collegare via San Giacomo dei Capri al Rione Alto. Il viadotto, costruito nel 1985 con l’intento di decongestionare il traffico della zona Il ponte incompleto di San Giacomo dei Capriospedaliera, non è mai stato completato rimanendo, di fatto, un ponte sospeso tra le erbacce. Il viadotto è stato realizzato senza le rampe di accesso. In poche parole c’è solo la parte centrale. 233 metri di asfalto poggiati su due file di piloni in cemento armato. Un’opera costata 800 milioni di lire. 33 anni dopo l’infrastruttura versa nel degrado più assoluto e rappresenta un pericolo per l’incolumità dei cittadini. Il ponte di San Giacomo dei Capri è diventato un ecomostro in piena regola. In un Paese “normale” si sarebbe già provveduto a riqualificare la bretella incompiuta per porre rimedio alla compromessa immagine dell’intero quartiere di Napoli. In passato qualcuno aveva pensato di trasformare il ponte incompleto in un giardino pensile sulla scorta della Promenade de Plantee di Parigi. Il progetto è rimasto nel cassetto.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Concorso per Vigili Urbani del Comune di Napoli

Confindustria propone tassa sul contante

Koulibaly e Ghoulam alla scuola Elsa Morante di Scampia

L’inutile sfogo di Ancelotti per gli spogliatoi del San Paolo

La guerra che fa salire il prezzo del petrolio

Cresce divario tra ricchi e poveri in Italia