Monsanto dovrà risarcire uomo malato di cancro

La multinazionale Monsanto è stata condannata a pagare un risarcimento di 289 milioni di dollari a favore di Dewayne Johnson, un uomo a cui è stato diagnosticato un linfoma non-Hodgkin dopo aver utilizzato alcuni prodotti dell’azienda.

Monsanto dovrà risarcire uomo malato di cancroIl tribunale di San Francisco ha condannato la multinazionale di biotecnologie agrarie Monsanto a un risarcimento danni di 289 milioni di dollari ad un uomo degli Stati Uniti che si è ammalato di cancro. Per i giudici l’azienda non ha segnalato la pericolosità dell’erbicida “Roundup”. All’uomo è stato diagnosticato 2 anni fa un linfoma incurabile. Ha utilizzato il diserbante, il cui principio attivo è il glifosato, per due anni. E’ stato celebrato un processo veloce perché alla parte lesa resta poco da vivere. La Monsanto respinge le accuse e ha già annunciato che farà appello.

Dewayne Johnson, custode di siti scolastici nella zona di San Francisco, aveva utilizzato l’erbicida della Monsanto nel suo lavoro e aveva sviluppato un’eruzione cutanea nel 2014, all’età di 42 anni, con la successiva diagnosi di un linfoma non-Hodgkin. Negli Stati Uniti esistono fino a 5 mila denunce simili a quella di Dewayne Johnson. La sentenza del tribunale di San Francisco potrebbe quindi costituire un precedente importante con possibili centinaia richieste di risarcimento contro la Monsanto, multinazionale che di recente è stata acquistata dalla tedesco Bayer. Il glifosato è un diserbante non selettivo, vale a dire una molecola che elimina indistintamente tutte le erbe infestanti. E’ stato introdotto sul mercato nel 1974, ed è oggi l’erbicida più utilizzato al mondo. Da tempo il glifosato divide l’Organizzazione Mondiale della Sanità(OMS) e l’agenzia UE(EFSA). La prima ritiene il glifosato cancerogeno per l’essere umano, la seconda invece lo considera innocuo. Un tumore in particolare sarebbe quello cui, in alcune analisi epidemiologiche, il glifosato è stato associato: il linfoma non-Hodgkin. A rischio sarebbero soprattutto chi è esposto al glifosato, vale a dire agricoltori e lavoratori che lo utilizzano nella manutenzione del verde. Lo scorso novembre l’Unione Europea ha rinnovato per altri 5 anni l’autorizzazione per il glifosato nei Paesi UE.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Comune Napoli affida a Citelum gestione luci votive

La Vela verde non è stata demolita

La propaganda di De Magistris sui lavoratori Whirlpool

La bomba ambientale nell’ex ICM di via nuova delle Brecce

In vigore dazi Stati Uniti contro UE

Il lago di munnezza a Scampia