Renzi indignato per i portoghesi della Cumana

Matteo Renzi commenta su Facebook il “caso” dei portoghesi alla stazione di Torregaveta della Cumana. L'ex premier è indignato e considera un furto alla comunità non fare il biglietto. Come definire invece chi si appropria dei soldi dell'Unicef?

Matteo Renzi“Entrare senza pagare non è un atto da furbi, non è una cosa sulla quale sorridere: è un furto alla comunità. Educare ai doveri, non solo ai diritti, deve tornare una priorità”. Questo è quello che scrive Matteo Renzi su Facebook riguardo al “caso” dei portoghesi alla stazione di Torregaveta della Cumana, in provincia di Napoli. Un video divenuto virale fa vedere una folla enorme ai varchi d’ingresso che aspetta che un’anima pia obliteri il biglietto per aprire il tornello e recarsi al treno. Una domanda sorge spontanea: dove sono quelli che dovrebbero controllare?

La Cumana è gestita dall’EAV, una società della Regione Campania. Il governatore è Vincenzo De Luca, un esponente del Partito Democratico di Renzi. Il video è come un boomerang per i democratici, che conferma l’incapacità del vecchietto di Salerno nella gestione della cosa pubblica. Le 170 stazioni di EAV sono impresenziate per un terzo, parzialmente presenziate per un altro terzo e presenziate per un terzo. La situazione si aggrava d’estate per le ferie. In poche parole servono nuovi assunzioni. Aggiungete che per i passeggeri è quasi un’impresa acquistare i ticket, dato che sono chiuse biglietterie, tabaccai e giornalai. Il post di Renzi ha scatenato la stupidità dei suoi seguaci: si leggono tanti commenti razzisti e c’è qualcuno che tira in ballo il referendum costituzionale del 2016. Ormai è assodato che i renziani sono più fastidiosi delle zanzare. A Renzi vorrei chiedere: come definire chi si appropria dei soldi dell’Unicef? Sono 10 milioni di dollari versati tra il 2008 e il 2013 per sostenere progetti in favore dell’infanzia in difficoltà. Di questi, 6 milioni e 600 mila dollari sarebbero però finiti sui conti personali degli imprenditori, e in parte anche nelle casse della “Eventi6”, società amministrata dalla mamma di Renzi, Tiziana Bovoli. L’ex segretario del PD dovrebbe guardare in casa sua prima di dare lezioni di etica.

Gira questo video in rete. Campania, Italia, agosto 2018. Un gruppo di cittadini e turisti deve superare i tornelli per accedere al treno. Basta comprare il biglietto, obliterarlo e le porte si aprono. E invece no: tutti fermi, in attesa, senza acquistare il ticket. Finché uno - ignaro di tutto il resto - paga e oblitera il suo biglietto. E apre i tornelli. Scatta la ressa: tutti si precipitano per evitare di pagare. E la scena diventa virale. Abbiamo detto tante volte che l’Italia meritava una nuova stagione dei diritti. Ma dobbiamo dire che abbiamo bisogno anche di una nuova stagione dei doveri. Entrare senza pagare non è un atto da furbi, non è una cosa sulla quale sorridere: è un furto alla comunità. Educare ai doveri, non solo ai diritti, deve tornare una priorità. Su questo video non c’è niente da ridere: al massimo c’è solo da vergognarsi. Ed è giusto dirlo forte e chiaro, senza minimizzare.

Pubblicato da Matteo Renzi su Giovedì 23 agosto 2018

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

De Magistris arruola uno scarto del M5S e svela cura contro depressione

Alberi pericolanti nelle pinete del rione Monterosa

La fake news di Manfellotto sui contributi UE

Eurostat: 10% più ricchi ha 24,4% reddito complessivo italiano

Avvertimento al giornalista Federico Ruffo

Donna intubata sommersa dalle formiche