Svimez: 1,883 mila residenti hanno lasciato il Sud

Negli ultimi 16 anni hanno lasciato il Sud 1 milione e 883 mila residenti: la metà giovani di età compresa tra i 15 e i 34 anni. Questo è quello che emerge dal rapporto Svimez “L’economia e la società del Mezzogiorno”. Seicentomila famiglie meridionali senza un solo occupato tra i loro componenti.

SvimezIl peso demografico del Sud diminuisce ed è ora pari al 34,2%, anche per una minore incidenza degli stranieri(nel 2017 nel Centro-Nord risiedevano 4.272 mila stranieri rispetto agli 872 mila stranieri nel Mezzogiorno). Negli ultimi 16 anni hanno lasciato il Sud 1 milione e 883 mila residenti: la metà giovani di età compresa tra i 15 e i 34 anni, quasi un quinto laureati, il 16% dei quali si è trasferito all’estero. Quasi 800 mila non sono tornati in Italia. Questo è quello che emerge dal rapporto Svimez “L’economia e la società del Mezzogiorno”.

La Sicilia è la regione dove l’emorragia è dirompente con un calo di 9,3 mila residente. Seguono la Campania(-9,1 mila residenti) e la Puglia(-6,9 mila residenti). Nel 2017 la popolazione italiana ammonta a 60 milioni e 660 mila unità, in calo di quasi 106 mila unità. È come se sparisse da un anno all’altro una città italiana di medie dimensioni. La popolazione diminuisce malgrado aumentino gli stranieri: nel 2017 il calo è stato di 203 mila unità a fronte di un aumento di 97 mila stranieri residenti. La fuga dal Sud non si è arrestata nemmeno con la lenta ripresa economica. Il PIL del Mezzogiorno è aumentato dell’1,4%, rispetto allo 0,8% del 2016. Ciò grazie al forte recupero del settore manifatturiero(5,8%), in particolare nelle attività legate ai consumi, e, in misura minore, delle costruzioni(1,7%). La crescita è stata solo marginalmente superiore nel Centro-Nord(+1,5%). Nel 2017, Calabria, Sardegna e Campania sono le regioni meridionali che fanno registrare il più alto tasso di sviluppo, rispettivamente +2%, +1,9% e +1,8%. Gli investimenti privati nel Mezzogiorno sono cresciuti del 3,9%, consolidando la ripresa dell’anno precedente. Cosa è mancato? Gli investimenti pubblici. E su questo punto i ricercatori Svimez sono fermi. Tanto che se qualcosa non cambia c’è il rischio di una marcia indietro repentina.

Seicentomila famiglie meridionali senza un solo occupato tra i loro componenti

Il numero di famiglie meridionali con tutti i componenti in cerca di occupazione è raddoppiato negli ultimi 8 anni, passando dalle 362 mila del 2010 alle 600 mila del 2018. Al Centro-Nord le famiglie senza componenti occupati sono 470 mila. Il numero di famiglie senza alcun occupato è cresciuto anche nel 2016 e nel 2017, in media del 2% all’anno, nonostante la crescita dell’occupazione complessiva, a conferma del consolidarsi di aree di esclusione all’interno del Mezzogiorno, concentrate prevalentemente nelle grandi periferie urbane. Si tratta di sacche di crescente emarginazione e degrado sociale, che scontano anche la debolezza dei servizi pubblici nelle aree periferiche. Preoccupante la crescita del fenomeno dei working poors: la crescita del lavoro a bassa retribuzione, dovuto a complessiva dequalificazione delle occupazioni e all’esplosione del part time involontario, è una delle cause, in particolare nel Mezzogiorno, per cui la crescita occupazionale nella ripresa non è stata in grado di incidere su un quadro di emergenza sociale sempre più allarmante. Un disagio economico che fa tutt’uno col disagio sociale. Gli italiani del Sud sono persone a cittadinanza “limitata”. I diritti fondamentali sono carenti in termini di vivibilità locale, di sicurezza, di adeguati standard di istruzione, di idoneità di servizi sanitari e di cura.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Carta di identità elettronica alle Poste

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Istat: A rischio povertà una persona su 4