Istat: Economia sommersa e illegale vale 209,8 miliardi

L’economia sommersa e derivante da attività illegali vale 209,8 miliardi di euro. Il dato si riferisce al 2016 ed è pari al 12,4% del PIL dell'Italia. In lieve calo il lavoro irregolare.

Economia sommersa e illegale vale 209,8 miliardiNel 2016 l’economia sommersa e derivante da attività illegali(prostituzione, droga, contrabbando) vale 209,8 miliardi di euro, pari al 12,4% del PIL dell’Italia. A riferirlo è l’Istat nel rapporto “Economia non osservata nei conti nazionali”. Il valore aggiunto generato dalla sola economia sommersa ammonta a 191,8 miliardi di euro, quello connesso alle attività illegali(incluso l’indotto) a 17,9 miliardi di euro. Le stime al 2016 confermano la tendenza alla discesa dell’incidenza della componente non osservata dell’economia sul PIL dopo il picco del 2014(13,1%). Si riscontra infatti un’ulteriore diminuzione dello 0,2% dopo quella di 0,5 punti registrata nel 2015.

Nel 2016, il valore aggiunto generato dall’economia non osservata incide per il 13,8% sull’ammontare complessivo prodotto dal sistema economico. La diminuzione dello 0,2% rispetto al 2015 è interamente dovuta alla riduzione del peso della componente riferibile al sommerso economico(dal 12,8% al 12,6%) a fronte di una sostanziale stabilità dell’incidenza dell’economia illegale(1,2%). Il valore aggiunto generato dall’economia non osservata nel 2016 deriva per il 45,5%(circa -0,6% rispetto al 2015) dalla componente relativa alla sottodichiarazione da parte degli operatori economici. La restante parte è attribuibile per il 37,2% all’impiego di lavoro irregolare(37,3% nel 2015), per l’8,8% alle altre componenti(fitti in nero, mance e integrazione domanda-offerta) e per l’8,6% alle attività illegali(rispettivamente 9,6% e 8,2% l’anno precedente). Il traffico di stupefacenti è l’attività più rilevante tra quelle illegali, con un valore aggiunto che nel 2016 si attesta a 12,6 miliardi di euro. I servizi di prostituzione realizzano un valore aggiunto pari a 3,7 miliardi di euro.

Il ricorso al lavoro non regolare da parte di imprese e famiglie è una caratteristica strutturale del mercato del lavoro italiano. Nel 2016 sono 3 milioni e 701 mila le unità di lavoro(ULA) in condizione di non regolarità, in calo di 23 mila unità rispetto al 2015. I dipendenti irregolari sono 2 milioni e 632 mila unità, in lieve diminuzione rispetto al 2015(-19 mila unità). Tra il 2013 e il 2016 il ricorso al lavoro non regolare da parte del sistema economico è aumentato(+6%) in misura maggiore rispetto a quello regolare(+1,5%). L’effetto combinato delle due tendenze ha determinato nel quadriennio una crescita del tasso di irregolarità del sistema economico dal 15,0% al 15,6%. Tuttavia, il picco massimo si è registrato nel 2015, con un’incidenza del 15,9%, che è poi scesa di 0,3 punti percentuali nel 2016. L’incidenza del lavoro irregolare è particolarmente rilevante nel settore dei Servizi alle persone(47,2% nel 2016, in calo dello 0,4% rispetto al 2015), ma risulta significativo anche nei comparti dell’Agricoltura(18,6%), delle Costruzioni(16,6%) e del Commercio, trasporti, alloggio e ristorazione(16,2%).

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Assicurazione RC auto con scatola nera

Pensioni reversibilità Italia nel mirino Ocse

Carta di identità elettronica alle Poste

La presunta gaffe della Castelli sulla Panda 1000

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime

Istat: A rischio povertà una persona su 4