Bankitalia: In calo sofferenze bancarie

A settembre 2018 le sofferenze bancarie sono diminuite del 22,7% su base annua(-20,8% ad agosto) per effetto di alcune operazioni di cartolarizzazione. E’ quello che emerge dal rapporto di Bankitalia.

Sofferenze bancarieLe sofferenze detenute dalle banche italiane sono diminuite del 22,7% su base annua a settembre 2018 per effetto di alcune operazioni di cartolarizzazione. E’ quello che emerge dal rapporto “Banche e moneta: serie nazionali” pubblicato oggi(9 novembre) dalla Banca d’Italia. Le sofferenze bancarie sono calate del 20,8% rispetto ad agosto 2018. I crediti in sofferenza sono quelli erogati dalle banche a soggetti che diventati insolventi. Questi crediti fanno parte degli NPL, cioè i non performing loans. Secondo quanto riportato nel bollettino mensile di Bankitalia a settembre 2018 l’ammontare delle sofferenze bancarie lorde era sceso a 122,5 miliardi di euro.

I tassi di interesse sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, sono stati pari al 2,16%(2,21% in agosto); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo all’8,27%. I tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sono risultati pari all’1,45%(1,55% in agosto); quelli sui nuovi prestiti di importo fino a 1 milione di euro sono stati pari all’1,98%, quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia all’1,01%. I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,39%. In settembre i prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, sono cresciuti del 2,9% su base annua(2,6% in agosto). I prestiti alle famiglie sono cresciuti del 2,8% come nel mese precedente, mentre quelli alle società non finanziarie sono aumentati dell’1,9%(1,2% in agosto). I depositi del settore privato sono aumentati del 4,6% su base annua(4,3% nel mese precedente); la raccolta obbligazionaria è diminuita del 13,8%(era diminuita del 14% nel mese precedente).

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

CheBanca! con problemi tecnici

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Voragine in via Masoni

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018