Inps: In 9 mesi +165.105 contratti a tempo indeterminato

Contratti a tempo indeterminato in crescita nei primi nove mesi del 2018. Lo comunica l’Inps nel suo Osservatorio sul precariato. Si registra un incremento di 165.105 contratti a tempo indeterminato rispetto allo stesso periodo del 2017.

Lavoro a tempo indeterminato con segno più nei primi nove mesi del 2018 rispetto allo stesso periodo del 2017. Lo comunica l’Inps nel suo Osservatorio sul precariato. Le assunzioni a tempo indeterminato sono state 919.810, 30.563 in più(+3,4%) rispetto allo stesso periodo del 2017. Si conferma l’aumento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato(+124.562), che registrano un forte incremento rispetto al periodo gennaio-settembre 2017(+45,7%).

In totale sono stati attivati 1.270.614 contratti stabili, in aumento del 14,9% rispetto ai 1.105.509 del periodo gennaio-settembre 2017. In 9 mesi si registra un incremento di 165.105 contratti a tempo indeterminato rispetto allo stesso periodo del 2017. Le cessazioni a tempo indeterminato sono state 1.138.827, per un saldo positivo di 131.787 unità. In crescita risultano anche i contratti a tempo determinato(+4,7%), contratti di apprendistato(+11%), contratti stagionali(+4,6%), contratti in somministrazione(+7,3%) e contratti intermittenti(+6,2%). In contrazione risultano, invece, i rapporti di apprendistato confermati alla conclusione del periodo formativo(-17,6%). Nel settore privato, nei primi 9 mesi del 2018, le assunzioni sono state 5.661.000(+5,31%), le cessazioni 4.996.511(+7,4%) con un saldo positivo complessivo di 665.000 contratti, inferiore a quello del corrispondente periodo del 2017(+724.000). A crescere sono le cessazioni di tutte le tipologie di rapporti a termine, soprattutto i contratti intermittenti e in somministrazione, mentre diminuiscono quelle dei rapporti a tempo indeterminato(-4,4%).

Nei primi nove mesi dell’anno 2018, su un totale di 1.544.000 nuovi rapporti a tempo indeterminato(incluse le assunzioni in apprendistato), i rapporti agevolati risultano pari a 467.000(poco meno di un terzo) , di cui 86.000 dovuti all’esonero strutturale giovani. Il saldo annualizzato(vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi) a settembre 2018 risulta positivo e pari a +405.000, pressoché analogo rispetto a quello registrato per agosto(+399.000). La variazione tendenziale dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato risulta nettamente positiva(+55.000), evidenziando per il secondo mese consecutivo un trend incrementale. La consistenza dei lavoratori impiegati con Contratti di Prestazione Occasionale(CPO), a settembre 2018 si attesta intorno alle 20.000 unità(erano meno di 10.000 a settembre 2017); l’importo medio mensile lordo della loro remunerazione effettiva risulta pari a circa 231 euro. Per quanto attiene ai lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia(LF), a settembre 2018 risultano circa 7.000(contro circa 1.500 a settembre 2017); l’importo medio mensile lordo della loro remunerazione effettiva risulta pari a circa 283 euro.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

La guerra alle armi di Save the Children

Lo strano caso di Erika Marcato

Alitalia salvata con soldi pubblici

De Magistris vuole referendum per autonomia di Napoli

Bankitalia: Debito pubblico a 2.316,7 miliardi

La paziente perfetta