Migranti aggrediscono troupe Rai

La troupe Rai di "Storie Italiane" è stata aggredita in diretta da alcuni migranti inferociti nell'ex fabbrica Penicillina a Roma. I due lavoratori della Rai sono dovuti scappare per non rimetterci le penne.

Migranti aggrediscono troupe Rai“I migranti ci servono per pagare le pensioni degli italiani”. Questo è il ritornello che sentiamo spesso sui media e ripetuto più volte anche dal presidente dell’Inps Tito Boeri. La teoria potrebbe essere valida se in Italia si facesse una “selezione” degli ingressi e non un’accoglienza indiscriminata. La verità è che il “prodotto” migrante è servito per arricchire gli “amici degli amici”(associazioni, cooperative etc…) con la finta accoglienza. Questa cosa, purtroppo, sta creando una bomba sociale nei quartieri(soprattutto in periferia) dimenticati dallo Stato.

A Roma l’ex fabbrica della penicillina nel quartiere di San Basilio è stata occupata da immigrati che credono di poter fare qualsiasi cosa e rimanere impuniti. Nel ghetto del degrado ci sono oltre 500 stranieri che tirano avanti con spaccio e prostituzione. Qui, non è un mistero, tra alcol e faide L’ex fabbrica della penicillina nel quartiere di San Basilio interne, le violenze sono all’ordine del giorno. La troupe Rai del programma “Storie Italiane” è andata nell’ex fabbrica lo scorso 6 novembre per documentare lo stato di degrado. Nel corso del collegamento l’inviata Roberta Spinelli e il suo cameraman sono stati aggrediti da un gruppo di migranti inferociti. I due lavoratori della Rai sono dovuti scappare per non rimetterci le penne. E’ normale questa cosa? L’aggressione in diretta ha provocato tensione e paura anche in studio. L’ex fabbrica della penicillina è diventato un vero e proprio ecomostro alla periferia ovest della città, in totale abbandono dal 1990. Non sarebbe il caso di buttarlo giù? I soldi ci sono, basterebbe tagliare i 5 miliardi di euro che buttiamo per la finta accoglienza. I migranti possiamo ospitarli sotto le case di Emma Bonino, Laura Boldrini e Gad Lerner.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

La guerra alle armi di Save the Children

Lo strano caso di Erika Marcato

Alitalia salvata con soldi pubblici

De Magistris vuole referendum per autonomia di Napoli

Bankitalia: Debito pubblico a 2.316,7 miliardi

La paziente perfetta