Musk lancerà 7.518 satelliti per internet

Space X di Elon Musk ha ricevuto l’autorizzazione per mettere in orbita 7.518 satelliti per portare internet in ogni parte del pianeta. Musk risulta al 53esimo posto della lista delle persone più ricche del mondo secondo Forbes.

Elon MuskL’accesso a Internet e la libertà di espressione online sono diritti umani fondamentali. Lo ha dichiarato il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite il 5 luglio 2012. Peccato che ci sono molte zone in Italia e nel mondo in cui questo diritto non viene garantito. Le zone in cui le infrastrutture per la banda larga sono inesistenti e nelle quali è poco probabile che le stesse saranno sviluppate nel prossimo futuro sono definite aree bianche. Il problema potrebbe essere superato grazie a Elon Musk con un un nuovo programma avveniristico per portare internet anche nelle aree più remote del mondo.

La società Space X ha ottenuto l’autorizzazione a mettere in orbita 7.518 satelliti dalla Federal Communications Commission(FCC), che ha chiesto però di ridurre i crescenti rischi legati ai detriti spaziali. Il piano serve per garantire la banda larga ovunque. Spaxe X ha 2 satelliti di prova di nuova generazione in orbita, in precedenza si era aggiudicata l’autorizzazione per altri 4.425 satelliti, sempre progettati per banda larga ma utilizzando orbite alte, oltre i mille chilometri dal nostro pianeta. I 7.518 satelliti, invece, saranno di nuova generazione(alcuni lunghi solo 10 centimetri e pesanti meno di 1,5 chilogrammi) che, volando veloci su orbite molto più basse e collegati tra loro, dovrebbero consentire di coprire in modo capillare ogni angolo del mondo, senza limiti legati alle condizioni meteo. L’azienda Space X punta a raggiungere entro il 2025 un fatturato da canone di connessione a banda larga di 30 miliardi di dollari. Molti dubbi sul progetto riguardano i rischi legati all’incremento di detriti spaziali, ma Musk ha già presentato un piano per far rientrare nell’atmosfera i satelliti entro un anno dalla fine della loro attività.

Chi è Elon Musk

Elon Musk è un imprenditore e inventore sudafricano con cittadinanza canadese naturalizzato statunitense. All’età di 10 anni sviluppa una passione per il Commodore VIC-20. Ha imparato da solo la programmazione, e a 12 anni ha venduto il codice da lui creato di un videogioco scritto in BASIC, chiamato “Blastar”, alla rivista chiamata “PC and Office Technology” per circa 500 dollari. Nel 1995 fonda, con suo fratello Kimbal Musk, Zip2. Nel 1999, la divisione AltaVista della Compaq acquista Zip2 per 307 milioni di dollari in denaro e 34 milioni in stock option. Nel marzo 1999 Musk investe il ricavato della vendita a Compaq per cofondare X.com, una compagnia di servizi finanziari online e di pagamenti via e-mail. Un anno dopo, la compagnia si fonde con Confinity, dando origine a PayPal nella sua forma odierna. Quando questa viene acquistata da eBay nel 2002 per 1,5 miliardi di dollari Elon Musk diventa ufficialmente uno degli imprenditori più conosciuti al mondo. Musk, nel giugno 2002, fonda la sua terza compagnia: la Space Exploration Technologies Corporation(SpaceX), di cui è amministratore delegato e CTO. In seguito ha fondato Neuralink ed è CEO di Tesla Motors. A gennaio 2018, con un patrimonio di 20,9 miliardi di dollari, Musk risulta al 53esimo posto della lista delle persone più ricche del mondo secondo Forbes.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Sgomberato ex penicillina

Cimiteri comunali di Napoli senza illuminazione

Istat: PIL pro capite Sud metà di Nord

Istat: Stipendio medio cala a 13,97 euro l’ora

Centro di accoglienza migranti a Secondigliano

Cgia: 11 miliardi al fisco dalle tredicesime