Comune di Napoli si dà al Fantacalcio

Dal 2013 il Comune di Napoli si trova nella cosiddetta condizione di pre-dissesto. Il 31 gennaio 2019 la sala consiliare della terza città d’Italia era piena per l'asta del Fantacalcio.

Comune di Napoli si dà al fantacalcioLa sala consiliare del Comune di Napoli ritorna ad essere piena dopo diversi mesi. In Consiglio, negli ultimi tempi, è stato impossibile raggiungere il numero legale per via delle beghe tra i consiglieri DeMa. Oggi(31 gennaio) finalmente i banchi erano tutti occupati da persone sorridenti. Che cosa è accaduto? Era in programma un Consiglio straordinario per rendere più vivibile la città? No. Era il giorno dell’asta di FantaNapoli, vale a dire il Fantacalcio ideato da Carmine Sgambati dalla Commissione Sport del Comune di Napoli.

Il Fantacalcio coinvolgerà le dieci Municipalità della città. Ciascuna Municipalità dovrà gareggiare con una propria squadra composta da 8 persone e due consiglieri. In poche parole, 20 eletti dal popolo dedicheranno il loro tempo a giocare al Fantacalcio seguendo il campionato di serie A. Un cazzeggio vero e proprio sulle spalle dei contribuenti. FantaNapoli si concluderà il 23 maggio 2019. L’emittente TV Luna trasmetterà 20 puntate in cui due squadre diverse si confronteranno ogni settimana in diretta. A fine campionato, le prime tre squadre classificate si vedranno assegnati premi come viaggi o borse di studio universitarie. Una pagliacciata in pieno stile della Giunta De Magistris. Napoli sta sprofondando nel baratro più profondo e questi usano il consiglio comunale per l’asta del Fantacalcio. Roba da TSO immediato. Dal 2013 il Comune di Napoli si trova nella cosiddetta condizione di pre-dissesto, una situazione che i comuni in crisi finanziaria strutturale possono mettere in atto per evitare di arrivare al dissesto finanziario vero e proprio, cioè al fallimento. Il Fantacalcio? Fermate questo scempio che si sta consumando nella sala dove si tiene il consiglio comunale.

Pubblicato da Carmine Sgambati su Giovedì 31 gennaio 2019

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Imprenditore non trova baristi per colpa del reddito di cittadinanza

L’incredibile tweet di Renzi sul caso Gabicce

Torna emergenza rifiuti a Scampia

Sfido Ana Damian a vendermi un aspirapolvere

Istat: Spesa famiglie ferma a 2.571 euro