Apre il forno crematorio di Poggioreale

E' stato inaugurato il primo forno crematorio dell'impianto di Poggioreale. Entro i prossimi 6 mesi verranno installati altri 2 forni crematori. Dopo quasi 26 anni di attesa anche il Comune di Napoli ha l’impianto di cremazione.

Forno crematorio di PoggiorealeDopo quasi 26 anni di attesa anche il Comune di Napoli ha l’impianto di cremazione. Oggi(8 febbraio) è stato inaugurato il primo forno crematorio nel fondo Zevola di via Santa Maria del Pianto a Poggioreale.  La prima salma è stata cremata alle 9.30. La struttura entrerà a regime nel giro di una settimana e cremerà tra le 8 e le 10 salme al giorno.

La prima pietra dell’impianto di cremazione di Poggioreale era stata posata nel 1993, mentre il primo forno(denominato Zeus) è arrivato nel 2016. Entro i prossimi 6 mesi verranno installati altri 2 forni crematori. A quel punto l’impianto di Poggioreale sarà complessivamente composto da tre forni crematori ad alta tecnologia. A pieno regime potranno essere effettuati fino a trenta interventi al giorno, andando incontro alle esigenze di moltissimi cittadini. L’impianto di cremazione di Poggioreale è essenziale per i cittadini di Napoli. Fino ad oggi i napoletani erano costretti ad andare a Pontecagnano(SA) o Domicella(AV) per cremare le salme dei propri parenti. Secondo l’ultimo dato ufficiale del 2017, oltre il 70% dei cittadini napoletani ha scelto la cremazione. Sono 7.499 persone nell'anno 2017. A breve, a completamento dell’operazione, saranno disponibili per i cittadini napoletani oltre 1.200 cellette cenerarie per la deposizione delle ceneri. Il costo di una cremazione si aggira intorno ai 500 euro più iva, a cui andranno aggiunti eventuali servizi aggiuntivi.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Giorgetti: Nessuno va più dal medico di base

Record di incendi in Amazzonia

Il viaggio infernale sul treno Siracusa-Roma

La crisi di governo

UNICEF: 1,9 milioni di bambini via dalle scuole

Cgia: In Italia si pagano più tasse della media UE