Scampia: Cittadella dello sport resta un sogno

La Cittadella dello sport doveva sorgere nell'area dell'ex caserma Boscariello a Scampia. Il 26 ottobre 2017 iniziarono i lavori con la demolizione di due fabbricati. Sedici mesi dopo è tutto fermo. La Cittadella dello sport resta un sogno.

L'abbattimento di uno degli edifici dell'ex caserma BoscarielloLa riqualificazione dell’area dell’ex caserma Boscariello è al centro del dibattito politico da almeno 13 anni. Nel 2006 la giunta Iervolino aveva pensato di costruire un nuovo stadio per gli Europei 2012. L’Italia non presentò la candidatura e il progetto svanì nel nulla. L’area dell’ex caserma Boscariello sembrava destinata ad essere in disuso in eterno, ma grazie alla legge 185 del 2015 esce fuori un progetto per realizzare una Cittadella dello sport e un polo della Polizia.

La Cittadella dello sport sorgerà su un’area di circa 14 mila quadrati nel quartiere di Scampia. Il progetto prevede l’allestimento di quattro palestre, di cui tre di 1.000 metri quadrati per 5 metri di altezza e una più alta(10 metri) che fungerà da palasport per i meeting internazionali. Una palestra servirà per le arti marziali, un’altra per il fitness e l’ultima per le ginnastiche e danza. Nel palazzetto ci saranno un campo di pallacanestro e un campo di pallavolo e si faranno esibizioni di boxe o di judo o calcio a 5. Come budget una cifra che si aggira intorno ai 3,5 milioni di euro, ricavati dal Fondo “Sport e Periferie” stanziato dal Governo Gentiloni. Il 26 ottobre 2017 iniziarono i lavori con la demolizione di due fabbricati dell’ex caserma Boscariello. All’inaugurazione dei lavori vennero tutti, compreso il governatore Vincenzo De Luca con uno dei suoi figli. Sono trascorsi sedici mesi e della Cittadella dello sport non vi è alcuna traccia, resta l’ennesimo sogno irrealizzato a Scampia. L’ultimazione dei lavori doveva arrivare entro l’estate 2019.

All’esterno del muro fu installato anche un cartellone che annunciava la realizzazione della struttura, ma è stato spazzato via dalle raffiche di vento dello scorso 29 ottobre. Delle volte la natura è più forte della propaganda politica. Il progetto Cittadella dello sport non è scaduto, ma i forti ritardi stanno alimentando già polemiche e timori. Qualcuno teme che sia colpa del governo gialloverde che non vuole finanziare i Comuni indebitati, tipo Napoli. La verità è che il progetto Cittadella dello sport è stato rallentato anche dall’amministrazione comunale, che pensò di utilizzare l’area per realizzare un villaggio per i Rom. La proposta provocò violente proteste di una parte degli abitanti. La Cittadella dello Sport resta un sogno, ma qualcosa sembra muoversi per i restanti 76 mila metri quadrati dell’ex caserma Boscariello. Lo scorso primo febbraio, l’Agenzia del Demanio ha approvato il progetto di fattibilità tecnico-economica realizzato dallo studio di professionisti napoletani per il polo della Polizia. L’obiettivo è di trasferire nelle nuove strutture i reparti allocati attualmente presso la caserma Bixio, il gabinetto interregionale della polizia scientifica e alcuni uffici della questura di Napoli.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Il modello di integrazione di De Magistris

Maxi operazione contro IPTV illegali

Renzi lascia il PD

Bankitalia: Debito pubblico a 2.409,9 miliardi. E’ record

La guerra che fa salire il prezzo del petrolio

Italia Viva è copyright De Luca