Cedimento sul ponte Bellaria

Da tre anni il ponte del Bellaria manifesta, con crolli e smottamenti, la sua critica condizione strutturale. L’ultimo cedimento si è verificato lo scorso 22 marzo.

Ponte BellariaIl ponte di Bellaria, conosciuto anche come ponte di Miano, è un’opera realizzata a Napoli verso la metà del XIX secolo, sul Cavone di Miano, la vallata che separa la collina di Capodimonte dall’altopiano adiacente del quartiere di Miano. Il ponte di Bellaria si trova a pochi passi dal Real Bosco di Capodimonte ed è una via molto trafficata. Da tre anni il ponte del Bellaria manifesta, con crolli e smottamenti, la sua critica condizione strutturale.

L’ultimo cedimento si è verificato lo scorso 22 marzo. Stavolta si è aperta una grossa crepa lunga 15 metri. La voragine è stata tappata con schifezze varie a tempo record, ma resta il problema sicurezza. Alfredo Di Domenico, noto come Bukaman, da tempo dà voce alla denuncia dei cittadini che vivono nei paraggi. L’ultima segnalazione è stata fatta lo scorso 11 febbraio. Il viadotto di via Miano presenta seri danni nella struttura. Alcuni residenti sostengono che il ponte Bellaria sarebbe devastato da importanti infiltrazioni di acqua, che danneggiano la struttura dalle fondamenta, mettendo a rischio la sicurezza degli abitanti e degli automobilisti che transitano ogni giorno sulla strada. Una tesi non da scartare, visto i continui cedimenti che si verificano sulla carreggiata. Oggi riparano, domani stiamo di nuovo punto e da capo. Un cittadino ha segnalato la presenza di una condotta del gas posizionata proprio al margine esterno del muro di cinta, già crollato diverse volte. Un cedimento potrebbe portare alla rottura del tubo, un’ipotesi che fa impaurire i residenti della zona. Quando risolveranno il problema gli organi competenti?

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Giorgetti: Nessuno va più dal medico di base

Record di incendi in Amazzonia

Il viaggio infernale sul treno Siracusa-Roma

La crisi di governo

Cgia: In Italia si pagano più tasse della media UE

UNICEF: 1,9 milioni di bambini via dalle scuole