Come richiedere rimborso canone a SELAV

La sentenza del Congilio di Stato conferma la revoca dell’affidamento in concessione dei servizi a SELAV. La società ha istituito un indirizzo PEC per richiedere il rimborso del canone 2019 delle luci votive.

Cimitero di MianoLa sentenza del Consiglio di Stato del 5 marzo 2019 ha fatto rimanere i cimiteri comunali senza una società che gestisce i servizi di illuminazione ambientale e votiva. Undici giorni dopo, il Comune di Napoli ha diramato un comunicato in cui invita i cittadini a non pagare alla SELAV i relativi bollettini postali per l’illuminazione votiva 2019 nei cimiteri.  Il caos dei cimiteri comunali provoca un problema: alcune persone hanno già pagato il rinnovo del canone annuale per la luce votiva alla SELAV. Come richiedere il rimborso?

La società informa gli utenti che, rispondendo innanzitutto ai propri principi fondanti ed ispiratori, farà fronte ai propri impegni, purtroppo solo quelli economici, essendogli impedito di far fronte a quelli lavorativi a causa della suddetta estromissione dal servizio. In conformità a quanto disposto nello stesso regolamento di utenza, nel caso in cui si fosse verificata la sospensione dell’affidamento del servizio, la SELAV provvederà al rimborso degli importi non più di propria pertinenza, direttamente agli utenti. Per ottenere il rimborso basta inviare una PEC all’indirizzo selav.rimborsi2019@pec.it allegando una copia della ricevuta di pagamento e soprattutto fornendo l’indicazione dell’IBAN sul quale vorranno l’accredito della cifra spettante ed un recapito telefonico. In subordine la richiesta di rimborso potrà essere inoltrata tramite raccomandata A/R indirizzata a SELAV s.p.a Via Nuova Poggioreale, 156 A/B 80143 – Napoli. Il rimborso sarà considerato nella misura del canone, pagato da ciascun utente, per il periodo dal 1 aprile al 31 dicembre 2019. Dopo una brevissima istruttoria gli importi saranno accreditati, sempre che non subentrino nuovi accadimenti che non li rendano più necessari. Gli utenti saranno sempre adeguatamente e tempestivamente informati.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

La fake news dell’importo basso del reddito di cittadinanza

Il bullo di Inps per la famiglia

Bankitalia: Debito pubblico a 2.363,6 miliardi. E’ record

INL: Irregolarità per 70% delle aziende

Aumento IVA catastrofico per ceto medio-basso

Inps: +90.103 contratti a tempo indeterminato nel primo bimestre 2019