25 autobus nuovi fermi in deposito

L’Azienda Napoletana Mobilità(ANM) ha nella sua flotta 56 nuovi autobus. Peccato che 25 Citymood 10 sono fermi in deposito in attesa di manutenzione. Una situazione paradossale in una città in cui il traporto pubblico è al collasso.

Autobus nuovi fermi in depositoUn mese fa un’autista dell’Azienda Napoletana Mobilità(ANM) aveva denunciato il caso degli autobus nuovi fermi in deposito in attesa di manutenzione. Ma andiamo con ordine. Nel 2018 il Comune di Napoli ha acquistato 56 autobus modello Citymood 10 per migliorare il trasporto pubblico locale. I nuovi autobus dell’ANM sono entrati in servizio tra novembre 2018 e gennaio 2019.

Oggi si scopre che 25 dei 56 Citymood 10 sono fermi in deposito a causa di un guasto. 10 autobus sono bloccati nel deposito di via Nazionale delle Puglie, mentre altri 15 sono fermi in quello di Cavalleggeri d’Aosta. Una situazione paradossale in una città in cui il traporto pubblico è al collasso. I sindacati hanno indirizzato una lettera ai vertici di ANM, all'attenzione anche del Comune di Napoli e del prefetto partenopeo, chiedendo un chiarimento su questo “caso”. Nella missiva c’è scritto: “Non comprendiamo il motivo per cui questi autobus, oltretutto coperti da garanzia, non vengono prontamente riparati”. I sindacati minacciano sciopero se la situazione non dovesse rientrare e se i 25 nuovi autobus non dovessero tornare in esercizio il più presto possibile. I Citymood 10 sono fermi in deposito non solo per il vandalismo, ma anche per problemi di affidabilità. Secondo alcuni autisti, i nuovi autobus hanno il pianale troppo basso e le ruote troppo spostate verso il centro e questo li rende poco consoni alle strade di Napoli, città collinare, con molti sali-scendi, senza contare buche e dossi.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Bollo auto abolito con lo spread?

Rimodulazione Vodafone da settembre 2019

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Comune di Napoli regala stadio San Paolo a De Laurentiis

Il cantiere di piazza Garibaldi

Perché si usa Facebook?