In Italia -8,7% del potere d’acquisto in 10 anni

Il potere d'acquisto in Italia è calato dell'8,7% nel decennio 2008-2017. Questo il principale risultato emerso da una ricerca del Centro studi Impresa Lavoro su dati Eurostat. Le famiglie italiane hanno perso nel complesso 70 miliardi di euro del proprio reddito disponibile.

In Italia -8,7% del potere d’acquisto in 10 anniNel periodo 2008-2017 i residenti in Italia hanno visto il proprio potere d’acquisto diminuire dell’8,7%. Questo il principale risultato emerso da una ricerca del Centro studi Impresa Lavoro su dati Eurostat. Peggio dell’Italia, per lo stesso periodo, solo Cipro e Grecia, rispettivamente a -15,4% e -30,7%. Il potere d’acquisto rappresenta la quantità di beni e servizi che una persona può acquistare con un determinato reddito in un dato momento, neutralizzando gli effetti dell’inflazione.

Tra gli altri Paesi UE, 6 sono ancora a livelli inferiori al 2008: Portogallo(-0,7%), Irlanda(-1,1%), Belgio(-2,0%), Austria(-3,9%), Croazia(-4,4%) e Spagna(-5,8%). In tutti gli altri Stati dell’Unione Europea il livello precrisi è stato recuperato e migliorato. Il potere d’acquisto in Gran Bretagna e Francia, ad esempio, è salito nello stesso periodo di tempo rispettivamente del 2,7% e del 3,4% e in Germania dell’8,5%. Nei Paesi dell’Est Europa, come Bulgaria e Romania, la crescita è stata ancor più significativa e ha superato il 28%. In valori assoluti, secondo i dati Istat, le famiglie italiane dall’inizio della crisi ad oggi hanno perso nel complesso 70 miliardi di euro del proprio reddito disponibile. Conseguentemente si sono ridotti consumi e risparmi. I consumi totali sono ancora di 15 miliardi inferiori a quelli del 2008 e la propensione al risparmio si è ridotta di un terzo nel periodo, passando dall’11,6% al 7,7%. Con questo ritmo di crescita medio, gli italiani recupereranno il potere d’acquisto che avevano prima della crisi economica solamente nel lontano 2026.

Paese 2008 2017 Variazione
Bulgaria100130,030,0
Romania100128,028,0
Polonia100124,824,8
Lituania100118,518,5
Svezia100116,616,6
Ungheria100114,414,4
Estonia100113,713,7
Danimarca100113,013,0
Malta100111,511,5
Slovacchia100111,411,4
Repubblica Ceca100109,99,9
Germania100108,58,5
Lettonia100107,07,0
Lussemburgo100105,65,6
Finlandia100104,24,2
Francia100103,43,4
Gran Bretagna100102,72,7
Paesi Bassi100102,02,0
Slovenia100101,91,9
Portogallo10099,3-0,7
Irlanda10098,9-1,1
Belgio10098,0-2,0
Austria10096,1-3,9
Croazia10095,6-4,4
Spagna10094,2-5,8
Italia10091,3-8,7
Cipro10084,6-15,4
Grecia10069,3-30,7
Media UE 28100103,43,4

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Regione Campania non approva convenzione. Navigator senza lavoro

Cgia: Consumi famiglie tagliati di 21,5 miliardi

Il caso ex Ilva di Taranto

Tariffe votive anno 2019 Comune di Napoli

La caduta del muro di Berlino