L’Osservatorio Difendi la Città

Il Comune di Napoli annuncia la nascita dell'Osservatorio "Difendi la Città". Sarà composto da giornalisti, giuristi, intellettuali, personalità del mondo sportivo e sociale.

Luigi De Magistris e Flavia SorrentinoNell’aprile 2017 il Comune di Napoli ha istituito lo sportello onlineDifendi la città” per salvare la città dalle “presunte” offese di media e cittadini. L’iniziativa fu promossa dal sindaco Luigi De Magistris insieme alla delegata Flavia Sorrentino, che si occupa di Autonomia della Città di Napoli. Oggi(24 giugno) l’amministrazione comunale ha annunciato la nascita dell’Osservatorio “Difendi la città” formato da 20 membri individuati. Lo strumento istituito con delibera di giunta, su proposta del sindaco De Magistris, affiancherà e supporterà le attività promosse dallo sportello "Difendi la città”.

L’Osservatorio “Difendi la città” sarà composto da giornalisti, giuristi, intellettuali, personalità del mondo sportivo e sociale e avrà l'obiettivo di analizzare, monitorare e studiare i fenomeni di discriminazione territoriale nei confronti di Napoli e dei napoletani. Flavia Sorrentino ha dichiarato: “Con Difendi la città, abbiamo registrato quasi un migliaio di segnalazioni relative ad offese e denigrazioni nei confronti della città e dei napoletani. Paghiamo gli effetti di una narrazione negativa di lungo corso che ha avuto ripercussioni sul suo sviluppo e ha spesso condizionato le scelte economiche della politica nazionale che ha penalizzato in molti casi un territorio considerato causa persa”. La donna che si occupa di Autonomia della Città di Napoli non fa nessun riferimento ai soldi incassati dai risarcimenti. Si può sapere questa cifra o è un mistero?

L'Osservatorio “Difendi la città”, presieduto dal sindaco o suo delegato, sarà composto da 20 membri individuati mediante avviso pubblico, nominati dal sindaco, dei quali fino a 12 saranno rappresentanti del mondo giornalistico, giuridico, sociale mentre fino a 8 dovranno dimostrare, alla luce dei propri interessi e delle esperienze personali, di possedere una forte ed adeguata motivazione nel condividere le finalità e le strategie dell’Osservatorio. Lo sportello online “Difendi la città” e l’Osservatorio sono una delle tante armi di distrazione di massa dai problemi che ogni giorno affliggono la città di Napoli. Nel 2017 il sindaco De Magistris voleva zittire chi mostra(con foto e video) le criticità irrisolte della nostra bella città. Oggi, invece, vengono “piazzate” 20 persone a spese dei contribuenti.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Bollo auto abolito con lo spread?

Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

Comune di Napoli regala stadio San Paolo a De Laurentiis

Il cantiere di piazza Garibaldi

Perché si usa Facebook?

A settembre emergenza rifiuti in Campania