Renziani e Lega salvano Radio Radicale

Un emendamento del renziano Roberto Giachetti salva Radio Radicale. La Lega di Matteo Salvini vota a favore. Nel 2019 Radio Radicale riceverà altri 3 milioni di euro di soldi pubblici. Troppo facile fare i liberisti con i soldi degli altri.

Radio RadicaleUn emendamento del PD al decreto Crescita salva Radio Radicale. L’ok è arrivato nelle commissioni Bilancio e Finanze della Camera nonostante il parere contrario del viceministro dell’Economia, Laura Castelli. Il renziano Roberto Giachetti è il primo firmatario dell’emendamento salva Radio Radicale. Hanno votato sì la Lega e tutti gli altri partiti, mentre il M5S ha votato no.

Nel 2019 Radio Radicale riceverà un finanziamento pubblico di 3 milioni di euro grazie ai renziani e alla Lega di Matteo Salvini. Negli anni sono stati dati circa 250 milioni di euro di soldi pubblici a Radio Radicale, che ricordiamo è una radio privata(il 25% è del gruppo Lillo a cui fanno capo i discount MD). I Radicali sono dei gran paraculi: non hanno mai voluto formalizzare, in un quadro di regole condivise e trasparenti, il servizio pubblico svolto. Hanno preferito alla competizione del bando pubblico, la comodità del contributo unilaterale. Senza contare che i Radicali vogliono il liberismo estremo e poi pretendono i soldi pubblici per la sopravvivenza della loro radio. I fondi a Radio Radicale, li avrei tagliati, perché se loro credono nel libero mercato, se credono al liberismo, e giusto che si vadano a cercare i fondi come tutti gli altri. Non si può essere Comunisti e statalisti quando si parla delle proprie finanze e allo stesso tempo liberali quando si parla di aiuti altrui.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Comune Napoli affida a Citelum gestione luci votive

La Vela verde non è stata demolita

La propaganda di De Magistris sui lavoratori Whirlpool

La bomba ambientale nell’ex ICM di via nuova delle Brecce

In vigore dazi Stati Uniti contro UE

Il lago di munnezza a Scampia