Comune di Napoli regala stadio San Paolo a De Laurentiis

Il consiglio del Comune di Napoli approva la convenzione per l'utilizzo dello stadio San Paolo. L'accordo viene contestato dall’opposizione. Il canone basso è un regalo al Calcio Napoli di De Laurentiis.

Stadio San PaoloIl Calcio Napoli torna ad avere una convenzione per l’utilizzo dello stadio San Paolo. Nelle ultime tre stagioni la società di Aurelio De Laurentiis affittava a giornata l’impianto in occasione di ogni partita casalinga. La nuova convenzione è stata approvata nella notte dal consiglio del Comune di Napoli, nonostante il parere contrario dei revisori dei conti. La concessione dello stadio San Paolo parte dalla stagione 2018/2019 e termina il 30 giugno 2023. La convenzione è prorogabile per ulteriori cinque anni, fino al 30 giugno 2028.

Il Calcio Napoli utilizzerà lo stadio San Paolo per 90 giorni l’anno. A carico del Comune di Napoli restano le spese legate alla custodia dell’impianto, i consumi elettrici e idraulici, i costi di termogestione. Il Calcio Napoli invece provvederà alla manutenzione ordinaria e alla pulizia. Il Comune di Napoli potrà far svolgere spettacoli e concerti all’interno del San Paolo: durante la stagione calcistica non potrà utilizzare il terreno di gioco, mentre potrà sfruttarlo conclusa la stagione fino al primo luglio. L’amministrazione comunale riceverà 150 posti in tribuna per ogni partita. L'accordo con il Calcio Napoli Aurelio De Laurentiis viene contestato dall’opposizione. In particolare non convince il canone di 835 mila euro annui, ritenuto troppo basso dopo il restyling del San Paolo per le Universiadi. In poche parole il Comune di Napoli ha regalato lo stadio(che ricordiamo è un bene pubblico) al privato De Laurentiis. Il canone risulta più basso rispetto al pagamento dello stadio senza convenzione pari a circa 2,25 milioni di euro l'anno. Sono proprio gli arretrati per le stagioni 2016/2017 e 2017/2018 che hanno portato alla bocciatura dei revisori dei conti. La cifra dovuta al Comune di Napoli è di 4.474.244,94 di euro. Una domanda sorge spontanea: il Calcio Napoli salderà il debito? Un emendamento dei Verdi prevede che De Laurentiis debba pagare in anticipo il canone. Questo significa che il Calcio Napoli deve versare 836 mila euro per la stagione che sta per iniziare, più altri 835 per quella conclusa. Senza contare gli arretrati delle stagioni 2016/2017 e 2017/2018.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Giorgetti: Nessuno va più dal medico di base

Il viaggio infernale sul treno Siracusa-Roma

Record di incendi in Amazzonia

La crisi di governo

Cgia: In Italia si pagano più tasse della media UE

Corte dei Conti: Personale PA costa 14 miliardi