Flat tax con aliquota al 15% fino a 55 mila euro

La flat tax è una sistema di imposizione fiscale che prevede un’unica aliquota. Il progetto della Lega è portare l’aliquota al 15% fino a 55 mila euro di reddito familiare. Quanto si risparmia con la flat tax?

Flat taxIn Italia si torna a parlare di flat tax, il sistema fiscale proporzionale e non progressivo basato su un’aliquota a percentuale fissa. Il sottosegretario Armando Siri ha svelato finalmente la proposta della Lega. Il progetto è portare l’aliquota al 15% fino a 55 mila euro di reddito familiare con un’unica deduzione fiscale che assorbirà tutte le detrazioni. Sulla carta ci dovrebbe essere benefici per 20 milioni di famiglie e 40 milioni di contribuenti. Una domanda sorge spontanea: quanto si risparmia con la flat tax?

La flat tax farà risparmiare soprattutto le famiglie con redditi alti, mentre renderà leggermente più pesante il portafoglio di quelle con redditi medio bassi. Attualmente in Italia ci sono in vigore 5 aliquote IRPEF: si parte dal 23% per redditi fino a 15 mila euro per arrivare al 43% per redditi oltre i 75 mila euro. Come già scritto, la flat tax della Lega prevede un’aliquota unica al 15% per redditi fino a 55 mila euro. Quest’ipotesi avrebbe un beneficio solo per pochi lavoratori dipendenti e pensionati e avvantaggerebbe chi ha redditi alti. A 15.000 euro di reddito il beneficio sarebbe di 1.200 euro all’anno, a 20.000 di 1.800 euro. Un supersconto, di 8.970 euro, si avrebbe solo con redditi di 55.000 euro. C’è da dire che i redditi medio-bassi verrebbero svanire le detrazioni fiscali, quindi il guadagno reale dalla flat tax sarà molto inferiore da quello evidenziato in tabella. L’introduzione della flat tax sarà accompagnato dall’abolizione del bonus IRPEF(noto come bonus 80 euro) introdotto dal governo Renzi nel 2014.

Reddito lordo IRPEF attuale IRPEF flat tax Differenza annuale
15.000 3.450 2.250 1.200
20.000 4.800 3.000 1.800
25.000 6.150 3.750 2.400
35.000 9.620 5.250 4.370
55.000 17.220 8.250 8.970

L’attuale governo l’ha già introdotta la flat tax con la legge di Bilancio 2019 prevedendo due aliquote, al 15% e al 20%, la prima per le partite IVA, la seconda per le imprese. Nel primo caso innalzando la soglia dei ricavi a 65 mila euro. Nel secondo, introducendo un secondo scaglione per i ricavi tra 65 mila e 100 mila euro a partire dal 2020. Una sorta di flat tax è stata introdotta in Italia nel 2017 dal governo Gentiloni per i ricchi stranieri. La flat tax fu ideata per la prima volta nel 1956 dall’economista statunitense Milton Friedman e rimane ad oggi solo in Russia e in alcune Repubbliche ex sovietiche, oltre a quasi tutti i paradisi fiscali. Tra i Paesi che hanno adottato la flat tax non ce n’è nessuno dei grandi Paesi occidentali. Molti Paesi hanno abbandonato la flat tax in nome di una maggiore equità fiscale che ha introdotto la progressività delle tasse sul reddito(aumentano quanto più il reddito è alto).

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Giorgetti: Nessuno va più dal medico di base

Il viaggio infernale sul treno Siracusa-Roma

Record di incendi in Amazzonia

La crisi di governo

Cgia: In Italia si pagano più tasse della media UE

Corte dei Conti: Personale PA costa 14 miliardi