A Scampia arrivano 50 milioni per la riqualificazione

A Scampia arrivano 50 milioni di euro attraverso il Fondo sviluppo e coesione. Questo è il risultato dell’incontro tra il sindaco Luigi De Magistris e la ministra Barbara Lezzi. Con queste risorse sarà possibile attuare la seconda parte del progetto Restart Scampia.

ScampiaA Scampia arrivano 50 milioni di euro attraverso il Fondo sviluppo e coesione. Le risorse serviranno per riqualificare la zona dopo l’abbattimento delle Vele. Questo è il risultato dell’incontro avvenuto ieri(5 agosto) a Roma tra il sindaco Luigi De Magistris e la ministra Barbara Lezzi. La riqualificazione di Scampia è un progetto al quale entrambe le parti tengono molto.

Lo stanziamento delle risorse non è stato ancora fatto. Il passaggio successivo prevede il via libera da parte del Cipe e solo dopo il finanziamento diventerà effettivo. I dettagli del progetto di riqualificazione saranno molto annunciati in un’iniziativa congiunta che si terrà entro la fine di settembre a Scampia. Il sindaco De Magistris ha dichiarato: “È una notizia straordinaria che segue il lavoro che con il ministro Lezzi abbiamo portato avanti in queste settimane e che consente di finanziare la parte che mancava del progetto Restart Scampia vale a dire quella della rigenerazione urbana, della realizzazione di nuovi alloggi, di housing sociale, di asili, di aree verdi e attrezzature con cui riqualificare il quartiere”. I bandi e le gare dovrebbero partire all’inizio del 2020. Sul sito del Comune di Napoli si evince che Restart Scampia è un progetto di rigenerazione urbana che prevede in una prima fase l’abbattimento delle Vele A, C e D e la riqualificazione della B destinata ad alloggi. L’intervento si inserisce in un piano complessivo che prevede la dotazione di servizi urbani integrati, di attrezzature collettive e di servizi alla persona. In particolare:

  • realizzazione di asili nido, di scuole materne e di scuole superiori;
  • potenziamento dei servizi sociali per le donne e per le famiglie;
  • realizzazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica;
  • realizzazione di strutture commerciali, culturali, per il tempo libero e lo spettacolo;
  • insediamenti per la produzione di beni e servizi(laboratori artigianali, piccole botteghe);
  • elaborazione di un Piano Urbanistico Attuativo relativo al lotto M(area delle "Vele");
  • realizzazione della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Federico II;
  • riqualificazione del Parco di Scampia con nuove connessioni con l’intorno urbano;
  • riqualificazione dell’area antistante alla Stazione “Scampia” della Linea 1 della Metropolitana e dell’asse di collegamento tra questa e il Parco;

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Comune Napoli affida a Citelum gestione luci votive

La Vela verde non è stata demolita

La propaganda di De Magistris sui lavoratori Whirlpool

La bomba ambientale nell’ex ICM di via nuova delle Brecce

In vigore dazi Stati Uniti contro UE

Il lago di munnezza a Scampia