Sediolini del San Paolo allo stadio Landieri

Sulle gradinate dello stadio Landieri sono comparsi i primi sediolini rossi smontati dal San Paolo. L'impianto di Scampia diventa sempre più bello. Ora manca solo l'installazione dei fari.

I sediolini del San Paolo allo stadio LandieriL’8 novembre 2017 c’è stato il taglio del nastrino dello stadio Antonio Landieri a Scampia, intitolato al 25enne ucciso per errore dalla camorra il 6 novembre 2004. 639 giorni dopo, sulle gradinate sono comparsi i primi sediolini rossi smontati dallo stadio San Paolo per far spazio ai nuovi. Una vittoria di Nunzio Marigliano, promotore dell’iniziativa lo scorso marzo.

Sembrava una cosa impossibile, visto che quei 1.500 sediolini giacevano in deposito da quasi tre mesi e non si sapeva nulla dell’inizio dei lavori per l’installazione. Tutto è bene quel che finisce bene. Lo stadio Landieri rappresenta molto, non solo per il nome che porta, ma anche per come è stato costruito. Il campo in erba sintetica, infatti, è stato realizzato grazie al riciclo di 77 tonnellate di gomma. Ora sulle gradinate sono stati installati i sediolini riciclati dal San Paolo. L’impianto è un successo nel riutilizzo del materiale. Questi sediolini erano brutti da vedere nell’impianto di Fuorigrotta, mentre fanno una bellissima figura nello stadio Landieri. L’impianto è il fiore all’occhiello del quartiere e punto di ritrovo per i ragazzi di Scampia. Nunzio Marigliano ha dichiarato: “Permettetemi di autoringraziarmi, il mio rompere le scatole ha dato i suoi frutti. Adesso manca ancora l’installazione dei fari, ma un passo alla volta ci riusciremo”.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Giorgetti: Nessuno va più dal medico di base

Il viaggio infernale sul treno Siracusa-Roma

Record di incendi in Amazzonia

La crisi di governo

Cgia: In Italia si pagano più tasse della media UE

Corte dei Conti: Personale PA costa 14 miliardi