Cresce divario tra ricchi e poveri in Italia

In Italia cresce il divario tra le fasce più ricche e quelle più povere della popolazione. E' quello che emerge dai dai dati pubblicati dall'Eurostat. A rischio povertà 16,4 milioni di italiani.

Una donna con il salvadanaioIn Italia cresce il divario tra le fasce più ricche e quelle più povere della popolazione e vanifica la lotta alla povertà estrema. Il 10% degli italiani con i redditi più alti può contare sul 25,1% dei redditi totali. E’ il valore più alto dal 2008. Il 10% con i redditi più bassi ha appena il 2% del totale. Questi sono gli ultimi dati pubblicati da Eurostat.

Per i più benestanti, la crescita dal 2017 al 2018 è stata di 0,7 punti. Per i poveri la percentuale resta invariata rispetto al 2017, ma molto inferiore al 2,6% del 2008. Il 20% della popolazione con i redditi più bassi può contare solo sul 6,6% del reddito complessivo, meno di quello che entra nelle case del 2% con i redditi più alti(8,3% del totale). Il divario tra ricchi e poveri è meno ampio in Unione Europea rispetto a quello dell’Italia. La media UE(riferita all’anno 2017), infatti, è del 23,9% per il decile più ricco e il 2,8% per il decile più povero. Tra i dati disponibili per il 2018 l’Italia è il Paese dopo la Romania con la quota più bassa di reddito che entra nelle case del decile più povero. Nel 2018 le persone a rischio povertà sono diminuite di un milione rispetto al 2017, ma sono ancora 16,4 milioni, il livello più basso dopo il 2011. Secondo i dati Eurostat sempre relativi al 2018, il 12,3% dei lavoratori tra i 18 e i 64 anni è a rischio povertà.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

CheBanca! con problemi tecnici

Legambiente: 148 eventi estremi nel 2018

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Tari costa in media 300 euro