L’inutile sfogo di Ancelotti per gli spogliatoi del San Paolo

Carlo Ancelotti si è lamentato delle condizioni degli spogliatoi dello stadio San Paolo. Peccato che i lavori saranno ultimati il 13 settembre 2019. Uno sfogo inutile dell'allenatore del Napoli. Guarda caso il “caso” spogliatoi viene fuori proprio nella settimana della firma della convenzione decennale.

Gli spogliatoi dello Stadio San PaoloIl Napoli debutterà allo stadio San Paolo sabato pomeriggio contro la Sampdoria. I tifosi che andranno allo stadio troveranno una struttura rinnovata grazie ai soldi stanziati dalla Regione Campania per le Universiadi. I lavori di ammodernamento hanno portato sediolini nuovi, due tabelloni luminosi, bagni funzionali, rampe rimesse a nuovo, vie d’accesso rinnovate, varchi ammodernati e le telecamere sofisticate per individuare facilmente i facinorosi. Tra le novità anche un restyling degli spogliatoi. Proprio quest’ultima cosa ha scatenato una polemica.

Ieri(11 settembre), Carlo Ancelotti si è lamentato pubblicamente per lo stato in cui versano gli spogliatoi a tre giorni dal debutto allo stadio San Paolo. “Ho visto le condizioni degli spogliatoi del San Paolo. Non ci sono parole. In due mesi si può costruire una casa, non sono stati in grado di rifare gli spogliatoi. Sono indignato per la scorrettezza e l’inadeguatezza di chi doveva eseguire questi lavori”. Questo è quello che ha dichiarato l’allenatore del Napoli. Uno sfogo inutile, visto che i lavori agli spogliatoi saranno ultimati il 13 settembre 2019. Tra l’altro il sopraluogo non è stato fatto da Ancelotti, ma da Edoardo De Laurentiis. Non si è fatta attendere la replica dell’architetto Filomena Smiraglia, direttore dei lavori della ristrutturazione dello stadio San Paolo. La responsabile ha dichiarato: “Sono sconcertata e stranita dalla dichiarazione a gamba tesa di Ancelotti, anche perché oggi abbiamo avuto la visita negli spogliatoi del vicepresidente del Napoli Edoardo De Laurentiis che ci ha fatto i complimenti davanti alle maestranze per i lavori”.

Una domanda sorge spontanea: perché Ancelotti ha fatto questo comunicato? E’ stato usato dalla Società Calcio Napoli o è stata una sua iniziativa? In entrambi i casi è una cosa gravissima. Guarda caso il “caso” spogliatoi viene fuori proprio nella settimana della firma della convenzione decennale con il Comune di Napoli. Forse il presidente Aurelio De Laurentiis vuole uno sconto sugli arretrati? Sabato gli spogliatoi saranno pronti al 95%. L’unica parte non conclusa dei lavori rimarrà quella delle vasche idromassaggio. Si tratta dell’unico lotto pagato e gestito direttamente dalla Società Calcio Napoli. Conclusioni? In tutta questa vicenda Ancelotti non c’entra nulla e non doveva fare quell’inutile sfogo. Faccia l’allenatore invece di essere il Masaniello del presidente del Napoli. A proposito, speriamo che mister 6,5 milioni di euro non ci faccia indignare contro la modesta Sampdoria. Mi ero dimenticato di scrivere che i lavori di ristrutturazione hanno portato pure una stanza per gli schemi. Mi auguro che il nostro mister la usi.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

Scampia sommersa dai rifiuti

Taglio dei parlamentari è legge

Scuola chiusa per discarica abusiva

Approvato nota al DEF. Stop aumento IVA

Cgia: Grandi imprese evasione maggiore

Istat: Disoccupazione luglio al 9,5%