Cgia: Continua a crescere spesa P.A.

La spesa per i consumi intermedi della Pubblica amministrazione dell’Italia continua a crescere. E’ quello che emerge da un rapporto della Cgia di Mestre.

Continua a crescere spesa P.A.La spesa per i consumi intermedi della Pubblica amministrazione dell’Italia continua a crescere nonostante la spending review. E’ quello che emerge da un rapporto della Cgia di Mestre. Nel 2018 lo Stato centrale, le sue articolazioni periferiche, le Regioni e gli Enti locali hanno speso 100,2 miliardi di euro. Questi soldi sono stati utilizzati per la manutenzione ordinaria, gli acquisti di cancelleria, le spese energetiche e di esercizio dei mezzi di trasporto, i servizi di ricercasviluppo e di formazione del personale acquistati all’esterno, la quota annuale per l’acquisto dei macchinari, etc.

Tra il 2010 e il 2014 la dinamica delle uscite relative a questa tipologia di spesa si era pressoché arrestata: tuttavia, con il superamento della fase più critica dei conti pubblici, tale aggregato di costo è tornato ad aumentare. Negli ultimi 5 anni, ad esempio, la crescita è stata del 9,2%(+8,5 miliardi in valore assoluto), mentre l’inflazione, sempre nello stesso periodo di tempo, è aumentata solo del 2%. Il coordinatore dell’Ufficio Studi Cgia, Paolo Zabeo, ha dichiarato: “Malgrado il grande lavoro svolto dalla Consip per rendere più efficiente e trasparente l’utilizzo delle risorse pubbliche, il contenimento della spesa ha funzionato poco o, addirittura, non è stato conseguito. Nel giro di qualche anno ci ritroveremo, nonostante le promesse che in questi ultimi anni molti politici ci hanno raccontato, con più tasse e una spesa pubblica incomprimibile”. Dalla disaggregazione per funzioni della spesa per consumi intermedi emerge come la quota più significativa spetti alla Sanità con 33,7 miliardi di euro. Seguono i servizi generali della P.A. con 16,1 miliardi, la protezione dell’ambiente con 11,7 miliardi di euro, l’istruzione con 7 miliardi e le attività culturali/ricreative con 6,4 miliardi. Questi dati si riferiscono al 2017. L’Italia spende più degli altri Paesi UE. Nel 2017 per i consumi intermedi la nostra Pubblica amministrazione ha speso il 5,5% del PIL, contro il 5% della Spagna, il 4,9% della Francia e il 4,8% della Germania. La media dei Paesi dell’area euro è al 5,1% del PIL.

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

CheBanca! con problemi tecnici

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018

La caduta del muro di Berlino