Il lago di munnezza a Scampia

A Scampia è ancora emergenza rifiuti. In via Roma verso Scampia si è formato un lago di munnezza dopo il temporale della scorsa notte. Il rischio è che l’emergenza rifiuti diventi anche sanitaria.

Il lago di munnezza a ScampiaA Scampia è ancora emergenza rifiuti, nonostante la denuncia fatta da questo blog e alcuni media locali e nazionali. L’Azienda servizi di igiene ambientale(ASIA) non ha rimosso le 600 tonnellate di spazzatura sparse in ogni strada della zona nord. Il rischio è  che l’emergenza rifiuti diventi anche sanitaria. In via Roma verso Scampia ci sono 4 discariche in poco meno di un chilometro. Una di queste si è trasformata in un lago di munnezza dopo il temporale della scorsa notte.

I cumuli rifiuti otturano i tombini e l’acqua piovana non defluisce. La conseguenza è un lago di acqua mista a percolato. Una situazione drammatica, non degna di una città dell’Unione Europea. Una domanda sorge spontanea: la municipalizzata del Comune di Napoli quando rimuoverà i rifiuti a Scampia? Credo che a questo punto debba intervenire il Prefetto. Non c’è più nemmeno la scusa delle chiusura del termovalorizzatore di Acerra, dato che l’impianto è ritornato a pieno regime da tre giorni. Gli stir di Cittadini evitano le discariche a ScampiaGiugliano, Caivano e Tufino hanno lavorato a rilento per guasti improvvisi e sono pieni di munnezza, ma questo non giustifica la mancata rimozione dei rifiuti a Scampia. La raccolta non viene fatta con regolarità nemmeno nelle zone dove è in vigore la differenziata. Nel mio parco non vengono a prendere carta e plastica da diversi giorni. L’umido e l’indifferenziato viene raccolto senza rispettare i giorni prestabiliti. Tutto sommato posso ritenermi fortunato, visto che nelle altre zone di Scampia non rimuovono la spazzatura da due settimane. Le discariche nella zona nord sono un insulto alla civiltà, non degne di una città che vuole fare accoglienza. L’amministrazione comunale ha deciso di “privilegiare” la raccolta della spazzatura nelle zone turistiche per non danneggiare l’immagine della città. Un vero e proprio fascismo sociale quello messo in atto dal sindaco Luigi De Magistris. Di seguito il video di Raffaele Ambrosino

Stanno ancora qui. I rifiuti otturano i tombini, l'acqua non defluisce, si è formato un lago di acqua mista a percolato. Credo che a questo punto debba assolutamente intervenire il Prefetto.

Pubblicato da Raffaele Ambrosino su Martedì 15 ottobre 2019

Commenti

I post più letti negli ultimi sette giorni

CheBanca! non funziona

Il parcheggio abbandonato dal Comune di Napoli

CheBanca! con problemi tecnici

L’amministrazione del degrado di De Magistris

Inps: 3,3 milioni di lavoratori pubblici nel 2018

La caduta del muro di Berlino